La Giunta Rocca vuole sgomberare la casa delle donne Lucha y Siesta

L’esperienza della casa delle donne Lucha y Siesta è iniziata nel 2008 e da allora ha dato riparo a centinaia di donne in fuga dalla violenza. Il valore sociale di questa associazione è stato riconosciuto in passato dalla Regione Lazio, ma l'attuale giunta vuole mettere a bando lo stabile ex ATAC dove ha sede il centro antiviolenza.

Redazione

La giunta Rocca propone di mettere a bando lo stabile ex ATAC dove ha sede il centro antiviolenza casa delle donne Lucha y Siesta: “Con il 25 novembre alle porte e 93 femminicidi in soli 9 mesi, la Regione Lazio vorrebbe porre fine a una delle esperienze più significative nel contrasto alla violenza di genere”, si legge nel comunicato dell’associazione, “cinque anni fa era l’amministrazione Raggi, oggi è la Regione Lazio di Rocca; cambiano i colori ma la violenza politica è la stessa […]. Dopo 15 anni di costruzione di un presidio antiviolenza all’avanguardia, di tavoli istituzionali che hanno condotto all’acquisizione da parte della Regione Lazio dello stabile di proprietà ATAC e alla stesura di una convenzione avanzata che riconoscesse formalmente alla comunità l’immenso valore di Lucha y Siesta, si riparte dal via”.

L’esperienza della casa delle donne Lucha y Siesta è iniziata nel 2008 e da allora ha dato riparo a centinaia di donne in fuga dalla violenza. Il valore sociale di questa associazione è stato riconosciuto in passato dalla Regione Lazio: “Due anni fa infatti, la stessa Regione Lazio sotto la guida Zingaretti aveva dichiarato salva l’esperienza di Lucha y Siesta”, si evidenzia nel comunicato stampa, “aggiudicandosi all’asta l’immobile dell’ATAC in fallimento e mettendo a punto un’opera di ingegneria giuridica innovativa – con una equipe fatta di amministrativi, giuriste, attiviste e esperte in violenza di genere – che, unendo Convenzione di Istanbul, legislazione per il contrasto alla violenza di genere e legislazione sui Beni Comuni, avrebbe finalmente dato un riconoscimento formale, tramite convenzione, a un’esperienza che in quindici anni ha sopperito alle falle del sistema antiviolenza locale e nazionale, sempre insufficienti in termini di accoglienza per donne e minori in fuga dalla violenza, sempre carenti negli interventi di prevenzione alla violenza di genere”.

Ma l’associazione non ha intenzione di subire le decisioni del comune: “Non ci stupisce che la Giunta Rocca pensi di poter cancellare Lucha y Siesta. […] Non ci stupisce e allora non stupisca neanche la nostra risposta. Non cederemo di un millimetro, non ci nasconderemo dietro la burocrazia amministrativa, non ci confonderemo dentro vuoti slogan […]. Continueremo a fare contrasto alla violenza con professionalità, a intrecciare alleanze con passione e a resistere a questo nuovo attacco con la moltiplicazione degli spazi di propagazione della cultura femminista e transfemminista”.

FOTO MASSIMO PERCOSSI HAVER/DI PIAZZA/CAPPONI



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Redazione

La Corte di Giustizia Federale tedesca ha condannato a 14 anni di prigione un membro dell’Isis per crimini contro l’umanità e crimini di guerra.

MicroMega+ del 12 aprile con Micol Meghnagi, Mosè Vernetti, Eszter Kováts, Fabio Bartoli, Roberto Rosano e Giovanni Fava.

Nel nuovo Documento di economia e finanza il governo non ha presentato la sua politica economica.

Altri articoli di Politica

Dall'Msi ad Almirante, per Giorgia Meloni non sarà cosa facile dimostrare che nessun sentimento neonazista alberga nella sua anima.

“Dalla stessa parte mi troverai”, di Valentina Mira, stana il fascismo eterno della destra di governo mascherato dalle vesti istituzionali.

Antony Loewenstein racconta come le tecniche di controllo di massa che Israele sperimenta in Palestina siano un modello in tutto il mondo.