La verità su Oscar Wilde, rivelata dal figlio

Una biografia del celebre scrittore irlandese ad opera del suo secondogenito. Una lettura per conoscere più a fondo un autore che si sarebbe meritato molto di più.

Marilù Oliva

In “Essere figlio di Oscar Wilde”, pubblicato da La Lepre Edizioni, Vyvyan Holland, secondo figlio di Oscar Wilde e della moglie Constance Lloyd, ci racconta i suoi ricordi, ricostruendo – almeno in parte – la biografia del padre e cercando di restituire giustizia a quella figura di uomo e intellettuale troppe volte svilita, soprattutto dai coevi. Vyvyan fu costretto a cambiare cognome da Wilde a Holland e questo non è il solo indizio che ci mostra quanto fu difficile contrastare i pregiudizi che si ergevano nei confronti del padre. Fu anche impossibilitato a iscriversi all’Università di Oxford, ad esempio, ma non si diede per vinto e si immatricolò all’Università di Cambridge nel 1905. Partecipò sia alla prima che alla Seconda guerra mondiale e nel corso della sua vita pubblicò diversi libri dedicati al padre, finché la sua vita si concluse nel 1976 a Londra. Suo figlio Merlin, nato nel 1945, ha curato questo libro. Una volontà di riscatto unisce questi tre uomini, il primo dei quali considerato scomodo e per questo duramente punito dopo lo scandalo che lo colpì quando era al culmine del successo. Come ben sappiamo, l’Inghilterra bigotta e benpensante condannava l’omosessualità e la relazione con Alfred Douglas portò Oscar Wilde sul baratro: Oscar venne processato e condannato a due anni di carcere e lavori forzati, il che, allora, costituiva il massimo della pena. Ma Holland rievoca i passaggi senza abbandonarsi a slanci patetici, certo ci tiene a un resoconto attendibile e corregge il tiro ai biografi che hanno scritto sciocchezze.

Attraverso questo libro conosciamo un artista inedito, un uomo sincero che non rinunciava alle seduzioni del piacere, un edonista. Marito e padre affettuoso, grande fumatore – in casa aveva una sua stanza fumatori, che Holland ricorda come molto buia e tetra, ma anche decadente e misteriosa – Oscar Wilde era un gigante sorridente: questo il ritratto che ne fa il figlio. Sempre vestito in maniera raffinata, ma anche disposto a gattonare sul pavimento per giocare coi figli, aveva un animo sensibilissimo, soprattutto se nei confronti di chi era bisognoso e povero. Una volta, ad esempio, salvò tre ragazzini dal carcere pagando la multa che i loro genitori non sarebbero stati in grado di sostenere. E forse anche per questo l’esperienza della galera lo segnò irreparabilmente:

«Mio padre, quando morì, aveva solo quarantasei anni, un’età in cui la maggior parte degli scrittori e degli artisti raggiunge il culmine del successo; dopo il 1895, però, non scrisse più nulla, a parte la lettera a Lord Alfred Douglas nota come “De Profundis” e “La ballata del carcere di Reading”. La scintilla del genio che era in lui si spense a causa della vita in carcere e non si riaccese mai più».

Nel volume troverete anche quattro racconti inediti e un carteggio epistolare che svela diversi risvolti privati di quest’uomo. Sia le questioni quotidiane, le simpatie, i viaggi, gli impegni, sia il suo stato d’animo dopo la calamità che dovette affrontare, per cui certo gli mancò la terra sotto ai piedi e arrivò a scrivere: “Il mondo è troppo per me”. Leggere questo libro sarà un modo nuovo per conoscere più a fondo un poeta e uno scrittore che si sarebbe meritato molto di più.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Marilù Oliva

“Tra le rose e le viole” di Porpora Marcasciano ricostruisce la storia del mondo trans in Italia, in maniera sincera, diretta e piena di vita.

“Non sono mai stata il mio tipo” è il cammino autobiografico di Irmgard Keun, scrittrice tedesca anticonformista e dissidente ai tempi del nazismo.

Recensione di “Donne sacre. Sacerdotesse e maghe, mistiche e seduttrici” (Il Mulino, 2023), di Franco Cardini e Marina Montesano.

Altri articoli di Blog

Meloni ha chiesto perdono alle vittime delle foibe per il silenzio calato sulla vicenda. Ma non per le responsabilità politiche storiche.

Alzando la testa, Giordano Bruno ci ha insegnato a ribellarci per uscire da ogni sudditanza intellettuale, morale, politica ed economica.

Il post-pandemia da Covid-19 ha azzerato l’interazione umana che una volta facilitava la già arduissima esperienza delle persone con la burocrazia.