Le nuove minacce di Putin

Dopo il discorso del presidente russo alla Duma quale negoziato è immaginabile con chi vuole un ampliamento del conflitto?

Francesco 'Pancho' Pardi

Il discorso di Putin alla Duma di cui riferiscono i giornali di venerdì 8 luglio ha il pregio di fare estrema chiarezza. Se non fosse bastata l’invasione dell’Ucraina con tutto il suo corredo di stragi di civili, missili su quartieri residenziali, spianamento delle città contese (quelle russofone, distrutte per liberare i russofili), furto sistematico dell’acciaio e del grano, deportazioni di massa verso destinazioni orientali ignote, adesso la dichiarazione è plateale: in Ucraina abbiamo appena incominciato. Se l’Occidente pensa di fermarci ci provi.

Chi pensava che l’Occidente non ha mai voluto la via per il negoziato e che bastava dire chiaro che “non si doveva umiliare Putin” per accedere a una trattativa, adesso dovrà affrontare un serio ripensamento. Quale negoziato è immaginabile con chi minaccia un ampliamento del conflitto? Con chi dichiara che vuole non la pace ma la guerra? Con chi non ha mai smesso di praticarla dalla Cecenia in poi?

Negli ultimi giorni ci siamo sentiti noi spinti al ripensamento dal dettato di Erdogan alla Svezia e dalla sua pretesa di riavere in mano i curdi dissidenti in cambio dell’assenso all’ingresso nella NATO. Dal suo gesto di offrirsi come unico garante possibile per lo sblocco dei grani giacenti e in via di deterioramento nei silos ucraini (che la Russia continua imperterrita a bombardare). In che mani ci siamo cacciati! A chi siamo costretti a ricorrere! A quale apostolo della democrazia! Di fronte alle porte strette imboccate dalla diplomazia occidentale, ai graduali peggioramenti di una situazione negativa, poteva apparire di nuovo meno velleitaria la posizione di chi aveva continuato a criticare la scelta bellica e a riproporre un orizzonte d’azione di pace più ampio, fondato più sull’Onu che sulla NATO.

Ma Putin ci ricorda che non siamo noi che facciamo la guerra a lui. È lui, con la sua Russia, che vuole la guerra e la pratica. Vuole ricreare il suo impero impossibile, vuole riavere gli Stati satelliti che ha irrimediabilmente perduto. Fa combattere la sua Russia per valori tradizionali inventati (la Storia Millenaria) cui il popolo è obbligato per legge, e che la classe dirigente invece si permette di ignorare e violare, in patria e all’estero. Questo è il punto debole della nuova Grande Guerra Patriottica. Quando la sua Russia scoprirà che ha scarso vantaggio a essere Sua? La Grande Prospettiva Zarista è reale e desiderabile o solo uno strumento di dominio? Noi non possiamo indurre i russi a salvare la Russia da Putin, ma contrastare con fermezza il suo esercito imperialista può avere un’efficacia persuasiva.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Francesco 'Pancho' Pardi

Non si può ridurre la grandezza della letteratura russa alla miseria di vedute di chi esercita oggi il potere in Russia.

Con la Russia sempre più all’assalto, quando Macron ripete che “non si può umiliare la Russia”, viene da chiedersi: ma che mondo vede quest’uomo?

“L’immagine che mi resta più ferma di lui è il suo sorriso incerto che sembra alludere a una qualche misteriosa speranza”.

Altri articoli di Mondo

Uno scontro pericoloso perché potrebbe portare a una spaccatura all’interno della Nato. E che si gioca anche sulla pelle dei migranti.

Non si fermano le proteste contro il regime iraniano dopo la morte di Mahsa Amini. Manifestazioni in diverse città.

Con 200 miliardi di finanziamenti e aiuti contro il caro-energia e il no al tetto sul prezzo del gas, Berlino sfida gli altri paesi dell’Ue.