La stazione di Leopoli: podcast di Valerio Nicolosi

La stazione letteralmente presa d’assalto. È questa la porta per fuggire dall’orrore della guerra che sta distruggendo l’Ucraina.

Valerio Nicolosi

Leopoli è il primo punto di arrivo nella fuga dalla guerra. Qui si arriva da tutto il Paese per provare ad andarsene. L’obiettivo di tutti si chiama Przemysl, prima città oltre il confine polacco e punto di snodo verso Cracovia e Varsavia. Qui si sta in fila per ore alla biglietteria, incuranti del suono delle sirene che anticipano un possibile bombardamento. Qui si incontrano persone provenienti da tutte le oblast’, come si chiamano le regioni dell’Ucraina. E queste sono le voci di alcuni di loro.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Visto l'ampio consenso che i paramilitari di estrema destra stanno raccogliendo, è utile ricordare chi sono veramente i "ragazzi" di Azov.

Altri articoli di Mondo

Uno degli slogan della propaganda russa per giustificare la guerra è “Liberare il Donbas”. Una ricostruzione della storia di questa regione.

Il “mito imperiale” e l’idea della “Grande Russia” propagandate da Putin hanno origine in una precisa e articolata elaborazione ideologica.

Bisogna evitare azioni e dichiarazioni che si prestano a manipolazioni da parte della Russia e della Chiesa ortodossa russa.