“Lezioni” di McEwan, un affaccio sul nulla

La più recente opera dello scrittore britannico disturba l’integrità della coscienza, per questo ha bisogno di un lettore maturo con alle spalle una lunga esperienza di vita.

Carlo Scognamiglio

L’esigenza pressante di affermare una propria identità, di attribuire alla nostra vita un senso, una qualsiasi direzione o possibilità di lettura, è data dalla forza ineluttabile dell’archetipo junghiano del . La pregnanza narrativa delle grandi biografie, dei romanzi di formazione, così come delle più comuni serie televisive, si afferma con maggior forza, quanto più riconoscibili appaiono i profili psicologici dei personaggi o prevedibili le trame. La grande letteratura mondiale, per molti secoli, ha tenuto fede alla struttura originaria delle fiabe o dei miti popolari, all’archetipo del “viaggio dell’eroe”, producendo così una speranza ri-compositiva alla naturale frammentarietà dell’esistenza.

Ma poi ci sono libri come l’ultimo romanzo di Ian McEwan, Lezioni (edito da Einaudi), che non si limitano all’ormai consueta rappresentazione dell’anti-eroe (quell’inetto che, a partire dall’Uomo senza qualità di Musil, ha abbondantemente popolato l’immaginario letterario del Novecento). Il protagonista del romanzo di McEwan si lascia inseguire in una lunga biografia scomposta, frammentata, incespicante. Ma né per lui, né per altre soggettività che incrociano il suo cammino, c’è speranza di una scelta di vita indovinata. Lo stesso intreccio tra esistenza biologica, accadimenti storici e vita psichica ne risulta sostanzialmente irrisolto.

Si tratta di un romanzo che fa di tutto per disturbare l’integrità coscienziale del lettore; suggerisce in ogni momento di fare un bilancio della propria esistenza, ridicolizzandone ogni possibilità di riuscita. Se la letteratura ha in parte il compito di dischiudere a ciascuno lo sguardo su una porzione di realtà, Lezioni di McEwan è un affaccio sul nulla. Per questo quest’indubbia opera d’arte può avere una sua forza meditativa per un adulto, e ancor di più per una persona con alle spalle molti decenni d’esperienza, ma certamente non è una lettura adatta per i più giovani.
L’adolescenza, infatti, deve poter rivendicare un diritto all’aspirazione nella costruzione del Sé, rispetto al quale solo dopo una più solida esperienza di vita è possibile cimentarsi con la resa, giacché – come diceva l’eroe di Cervantes – non sopporto chi m’inganna, ma più d’ogni altra cosa detesto chi mi dice la verità.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Carlo Scognamiglio

I possibili benefici dell'Intelligenza Artificiale sono incalcolabili, ma esiste il rischio che questa possa andare contro l’interesse della società umana.

Per i docenti formarsi è un lavoro, non un passatempo da confinare nel periodo di ferie.

“Storia della scuola italiana” mostra come l'esito degli sviluppi del nostro sistema formativo sia stato l’emancipazione sociale.

Altri articoli di Cultura

Sono trascorsi ottant'anni dall'incredibile storia di ribellione della comunità rom e sinti internata a Birkenau.

La differenza tra grande e piccola politica in un libro dedicato allo statista piemontese.

L’opera è tra le più influenti del repertorio classico di ogni tempo, per molti la più straordinaria composizione del maestro tedesco.