L’impegno continua!

Rilanciamo l'appello per salvare MicroMega.

Paolo Flores d'Arcais

Alle ore 12.52 di martedì 26 settembre abbiamo superato i 2500 impegni ad abbonarsi o a fare una donazione. In meno di quattro giorni siamo a metà dell’obiettivo. Dunque possiamo farcela. È necessario però che l’appello (che potete trovare qui sotto) vada fatto circolare a tutti gli indirizzari, i contatti, i social di cui ciascuno di voi dispone, altrimenti il flusso si andrà esaurendo.
Ciascuno di voi, su scala più o meno piccola, più o meno grande, è un “opinion maker”, avete una cerchia di persone che vi stimano e vi ascoltano. Mobilitatevi per mobilitarle.
5 mila impegni ad abbonarsi sono tassativi perché MicroMega continui ad esistere, diversamente le difficoltà di natura economica che abbiamo già spiegato nel nostro appello si ripresenterebbero dopo appena pochi mesi. E se, come speriamo, saranno di più, potremo allargare l’offerta di prodotti in digitale, essenziali per conquistare le generazioni più giovani al progetto di una sinistra illuminista.
A tutti un grazie e, come gridavano nel Sessantotto, “ce n’est q’un début…”.

Paolo Flores d’Arcais

SOSTIENICI ORA

 



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Paolo Flores d'Arcais

Dall'Msi ad Almirante, per Giorgia Meloni non sarà cosa facile dimostrare che nessun sentimento neonazista alberga nella sua anima.

Questo è l'anno della resa dei conti tra coloro che minacciano la tenuta della democrazia e coloro che credono in spiragli di resistenza.

Cosa si può fare per trasformare la rabbia delle del 25 novembre, in una lotta che conduca a una effettiva uguaglianza di genere?

Altri articoli di La linea generale

Questo è l'anno della resa dei conti tra coloro che minacciano la tenuta della democrazia e coloro che credono in spiragli di resistenza.

Cosa si può fare per trasformare la rabbia delle del 25 novembre, in una lotta che conduca a una effettiva uguaglianza di genere?

Troppe “sinistre” stanno dimenticando un punto del conflitto: l'’occupazione è un crimine ma uccidere centinaia di civili è peggio.