Il dramma del “Long Covid” raccontato da medici e pazienti

Il 30 percento di chi contrae il virus continua ad avere seri problemi di salute anche dopo il famoso tampone negativo: affanno, problemi respiratori, vuoti di memoria. Marta si è ammalata nei primi mesi del 2020 e ancora oggi non è tornata a una vita normale. Problemi e cure sono ancora da scoprire.

Valerio Nicolosi

Affanno, problemi respiratori, desaturazione dell’ossigeno nel sangue, vuoti di memoria e altri sintomi colpiscono il 30 percento circa dei malati di Covid. Si chiama “Long Covid” ed è una lunga sequela di problemi e sintomi che se trascurati possono cronicizzarsi.

Marta Esperti si è ammalata nei primi mesi del 2020 a Parigi e per settimane è stata curata a casa dai sanitari francesi. Dopo la fase acuta è tornata in Italia: i risultati dei tamponi davano esito negativo per il Covid nonostante molti sintomi continuassero a manifestarsi.

Dopo mesi di analisi specifiche, tra cui diverse Tac con il liquido di contrasto, il reparto di Pneumologia del Policlinico Gemelli di Roma l’ha sottoposta a una tomoscintigrafia che ha evidenziato la compromissione del microcircolo del polmone sinistro.

“Il long covid è l’esito di una patologia infiammatoria di natura virale su di un organismo, è una malattia sistemica che deriva dallo stato infiammatorio e dalle conseguenze dell’azione del Covid” racconta il dottor Francesco Macagno, pneumologo al Policlinico Gemelli di Roma, che aggiunge: “Non esiste un organo che si può considerare sicuro rispetto al Long Covid. Il Covid è una malattia nuova e quindi anche il Long Covid lo è, ma più passa il tempo e più raccogliamo informazioni per curarlo”.

“All’inizio ti dicono che guarirai tra due settimane, poi dopo un mese e poi dopo sei mesi ma non guarisci e continui a stare male” racconta Marta Esperti, che chiosa: “Quello che è certo è che questa malattia mi ha cambiato la vita. Ero sempre in movimento per il mio lavoro di ricercatrice, viaggiavo spesso. Ora tutto questo non c’è più”.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Ci siamo imbarcati da Fiumicino sulla San Vincenzo guidati dal comandante Gennaro Esposito per immortalare il momento in cui le reti vengono issate a bordo.

Il climatologo spiega le ragioni che hanno spinto associazioni e cittadini a portare in tribunale lo Stato per inadempienza contro la crisi climatica.

Dal blocco delle ONG alla normalizzazione dei rapporti con la Libia. Il governo Draghi è arrivato dove i precedenti non erano arrivati.

Altri articoli di Video

Ci siamo imbarcati da Fiumicino sulla San Vincenzo guidati dal comandante Gennaro Esposito per immortalare il momento in cui le reti vengono issate a bordo.

Il climatologo spiega le ragioni che hanno spinto associazioni e cittadini a portare in tribunale lo Stato per inadempienza contro la crisi climatica.

Su MicroMega il documentario di Chiara Ercolani "Just a concession".