Luigi Tenco: la strada interrotta del mondo di domani

A 55 anni dalla sua tragica scomparsa, ancora avvolta nel mistero, un ricordo del grande cantautore, innovativo musicista dai molti talenti e autore di una nuova forma di poesia in musica.

Giovanni Savastano

Luigi Tenco, un cantante autore di 29 anni, è uscito drammaticamente dalla scena perché le giurie del XVII Festival di Sanremo avevano escluso la sua canzone. Ieri sera 22 milioni di persone hanno assistito… al prologo di questo dramma assurdo”.

Con queste parole lapidarie, un austero Sergio Zavoli, dall’“altare” televisivo del Telegiornale del Primo Canale Rai, il 27 gennaio del 1967 annunciava, ad un’Italia ancora bambina, tutta presa dal primo luccichio consumistico, la tragica scomparsa del cantautore di nascita piemontese, ma di adozione genovese.

Luigi Tenco, l’avrete notato, ieri sera”, continuava il giornalista, “cantava ad occhi chiusi come in preda ad una specie di allucinato rapimento, quasi avvertisse l’inutilità di un confronto tra la sua chiusa, amarissima protesta, e quell’irresistibile dovere di essere vivi… sia pure con le pene acute di tutti i giorni”.

A nemmeno ventiquattro ore dal presunto (ma, in quel frangente, dato immediatamente per certo) suicidio dell’artista, la Televisione di Stato già sperimenta, attraverso le parole di Zavoli, quel potere di condizionamento delle coscienze ben delineato negli anni da Pier Paolo Pasolini (“…la televisione ha cominciato un’opera di omologazione distruttrice di ogni autenticità e concretezza”) o da Karl Popper, quando questi allerta sul rischio di un “totalitarismo televisivo”, una più che possibile deriva assolutistica del tubo catodico, “come se fosse Dio stesso a parlare”.
[PER CONTINUARE A LEGGERE ABBONATI A MICROMEGA+]



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Giovanni Savastano

Nella sua straordinaria carriera la grande attrice è sempre riuscita a unire il drammatico e il comico dell’esistenza.

Lungo la sua carriera durata più di cinquanta anni è riuscito a interpretare un’eterogeneità di ruoli non riscontrabile in altri suoi colleghi.

Altri articoli di MicroMega+

Con contributi di Gian Carlo Caselli, Giuseppe Ayala, Maurizio Franco, Enrico Grazzini, Elettra Santori, Maurizio Simoncelli.

Crisi della politica? O sarebbe più corretto parlare di crisi della rappresentanza? La serie di interviste di MM+.

Con contributi di: Valerio Nicolosi, Federica D’Alessio, Marco d’Eramo, Umberto Veronesi (dall’archivio), Maurizio Franco, Elettra de Salvo.