La pace secondo Macron: l’Ucraina umiliata e offesa

Con la Russia sempre più apertamente all’assalto, quando Macron ripete che “non si può umiliare la Russia”, viene da chiedersi: ma che mondo vede quest’uomo?

Francesco 'Pancho' Pardi

È di pochi giorni fa la frase a effetto ripetuta fin dall’inizio: non si può umiliare la Russia. In origine poteva essere saggezza diplomatica: far capire a Putin che una trattativa non era pensata per minare la sua leadership. Ma ora, con la Russia sempre più apertamente all’assalto, quando Macron ripete la formula, viene da chiedersi: ma che mondo vede quest’uomo? Se c’è un paese umiliato e offeso questo è solo l’Ucraina.

La Russia ha distrutto città, centri produttivi, infrastrutture, ha ucciso decine di migliaia di cittadini, militari e civili; ha realizzato stragi efferate; ha deportato in massa bambini e adulti verso la Siberia; ha prodotto l’esodo più monumentale della storia moderna; ha bloccato le esportazioni dei grani, risorsa commerciale vitale e rimedio alla carestia nei paesi poveri; ha rubato e continua a rubare come bottino di guerra grano e acciaio nelle terre sottratte all’Ucraina. Messa di fronte ai suoi delitti la Russia nega le stragi, le distruzioni e spudorata le attribuisce agli ucraini; nega espropriazioni e deportazioni; e gioisce dell’esodo che svuota le terre che ha sotto mira. Nega il blocco dei porti che esercita con le sue navi armate. L’indifferenza russa si spinge fino a radere al suolo città e paesi dei russofoni che sostiene di difendere. Tutto questo avviene ora. E sempre ora la Russia torna a bombardare Kiev e minaccia direttamente chi l’aiuta. E afferma nel modo più provocatorio che l’Ucraina è solo un affare suo. Chi in Europa si prodiga per la pace a tutti i costi ne tenga conto. E proprio ora Macron viene a dirci che non si può umiliare la Russia! Più timidamente Letta avverte che è necessaria una pace anche se non quella giusta. Allora ditelo apertamente: gli ucraini hanno sbagliato a non arrendersi il primo giorno, avrebbero almeno provato a barattare l’incolumità con la servitù. Ma ora scoprite che il vostro avaro aiuto era imprudente e che per non umiliare Putin l’Ucraina deve piegarsi a un negoziato col piede russo sul collo.

Ditelo all’Ucraina: hai lottato invano, rassegnati. I tuoi esuli non potranno mai tornare se non a capo chino. I danni di guerra saranno pagati dagli aggrediti. La tua integrità territoriale è persa per sempre. Per non umiliare Putin sarai e resterai umiliata.

 

(credit foto EPA/MOHAMMED BADRA)



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Francesco 'Pancho' Pardi

“Per un atlante della memoria operaia” racconta l’operaio nel suo spazio umano, che si sviluppa anche al di fuori del suo conflitto con la fabbrica.

La giornalista tedesca Birgit M. Kraatz si è trovata ingiustificatamente nominata all’interno della terza relazione della Commissione bicamerale “Moro 2”.

Dopo il discorso del presidente russo alla Duma quale negoziato è immaginabile con chi vuole un ampliamento del conflitto?

Altri articoli di Blog

Meloni ha chiesto perdono alle vittime delle foibe per il silenzio calato sulla vicenda. Ma non per le responsabilità politiche storiche.

Alzando la testa, Giordano Bruno ci ha insegnato a ribellarci per uscire da ogni sudditanza intellettuale, morale, politica ed economica.

Il post-pandemia da Covid-19 ha azzerato l’interazione umana che una volta facilitava la già arduissima esperienza delle persone con la burocrazia.