“Maledetta zappa”, una storia ecologista

Nel libro “Maledetta zappa. Due millennial prestati all’agricoltura” Filippo Baracchi e Cecilia Irene Massaggia raccontano la loro scelta di cambiare vita per preservare un territorio e la sua biodiversità.

Massimo Acanfora

“Maledetta zappa. Due millennial prestati all’agricoltura” è un libro che rompe tutti i codici che siamo abituati a collegare alla “contadinanza”, in primis quelli che reiterano la retorica della terra come “fatica”, “sudore” o che la qualificano “bassa” – con un sottinteso che la espone a una luce palesemente negativa – e riportano a una lotta di classe di “proletari senza rivoluzione” che ha indubbiamente un retrogusto classista. Ma non è certo questo il caso.

Il libro, che è in libreria da pochi giorni per i tipi di Altreconomia, racconta – per dirla in poche parole – una scelta coraggiosa e profondamente ecologista; sia pure in un significato strabico rispetto alla vulgata comune. Una coppia che cambia vita per valorizzare la casa colonica degli avi ma soprattutto per preservare – come vedremo – un territorio e la sua biodiversità. Non è l’unica, certo, tra le storie di ritorno alla terra o di “restanza” che punteggiano l’Italia, ma è sicuramente una storia molto speciale perché racconta una resilienza dello spirito che trascende il gesto materiale di vivere fuori dalla città.

Filippo Baracchi e Cecilia Irene Massaggia – narratori attraverso una prima persona plurale che spesso suona come una vera e propria assunzione di responsabilità – vengono da una storia universitaria completamente aliena al mondo agrario e da una professione intellettuale, legata alla produzione e alla realizzazione cinematografica, che lo è meno ancora. Di più. Sono due millennial che vogliono sfuggire a un’altra narrazione già vista e ritrita: una generazione – quella connotata dalla “variante” Y – funestata da crisi epocali, economiche, sociali e pandemiche, che ha la precarietà per condizione esistenziale, gli stage come contrappasso e l’invio di curriculum come esercizio ginnico (“Tra il 2011 e il 2017 Cecilia ha inviato complessivamente 547 candidature, cioè in media 78 candidature all’anno; ha ricevuto solo 40 mail di risposta vere”, raccontano).

Un giorno però Cecilia e Filippo, dopo essersi barcamenati negli anni post-laurea e master tra lavori fissi, saltuari o precari, riescono a vedere il proprio futuro in una vasta inquadratura panoramica che comprende la campagna e quello strano toponimo “Le Crede” a Portovecchio, a pochi chilometri da Portogruaro e all’interno della città metropolitana di Venezia. E mettono a fuoco una semplice verità: per sfuggire agli stereotipi bisogna accettare l’imperfezione: e cosi, dopo un periodo di formazione, traslocano, sì badi bene, non tra colline idilliache e pettinate ma in un territorio definito marginale, a Portogruaro, città metropolitana di Venezia. Così scrivono all’inizio della loro vicenda, nel 2018: “Come speleologi di anfratti sperduti e dimenticati ci siamo impegnati a osservare e comprendere”. E come rappresentanti consapevoli di questa generazione, la coppia si risolve a usare non più – ideologicamente – falce e martello ma zappa e cervello: il libro li coglie in tante diverse posture affatto casuali: incantati davanti a un capriolo che bruca accanto a casa, stupiti dell’acredine con cui alcuni degli autoctoni li accolgono, decisi a capire che cosa accade alle loro piante perché “l’intelligenza vegetale ha molto da insegnare al mondo dell’impresa”.

Ma soprattutto i due ragazzi, che sono ancora di là dall’entrare negli -anta, sono ben determinati a non lasciarsi asfaltare dal Moloch di quella plaga veneta, ovvero l’autostrada A4, che corre proprio accanto alla proprietà, l’azienda agricola Le Crede, con il concreto rischio di invasioni e incidenti. Cecilia e Filippo frappongono all’infrastruttura (e al suo allargamento) una generosa e silenziosa attenzione alla vigna, alla terra, alle piante e ai viventi che gli sono compagni di strada, consapevoli che il loro Merlot non potrà bloccare i lavori o fermare i Tir, ma che i primi clienti che tornano e che torneranno ancora sono uno scudo all’abbandono e alla indifferenza, il grande virus che ammala le aree meno frequentate del nostro Paese.

Lo storyboard del libro vede una linea del tempo che si dipana dal momento del trasloco e diventa prima un romanzo di formazione “agricola”, poi un racconto kafkiano sulla burocrazia, e poi ancora un ritratto veridico del profondo Veneto, nel bene e nel male, per passare da aneddoti ed excursus su temi esiziali per chi è del mestiere, come la sostanza di cui è fatto il prezzo di un prodotto (della bottiglia), il rapporto di genere tra zappa e donna interpretato attraverso il metro del Dolce Stil Novo, l’importanza di passare da consumatori a produttori e di diventare custodi di un luogo, per quanto residuale, come “L’isola di cemento” di Ballard. Ma al contrario del protagonista di questo cupo romanzo, Cecilia e Filippo riescono a creare un ecosistema circolare, riflettendo lucidamente sul senso del loro lavoro, senza dimenticare da dove vengono: “Lavorare nei campi” è (…) un motto che potrebbe essere adottato, per vivere in modo più pieno, attento ed essere vigili sulla realtà e sull’ambiente che circonda l’uomo. Ma lavorare etimologicamente significa faticare, intendiamo nel vero senso del termine, sia intellettualmente sia manualmente. Non c’è nulla di male a identificare il lavoro con lo sforzo fisico, così come non è sbagliato considerare lavoro l’impegno intellettuale. Ma purtroppo oggi in alcuni contesti, come quello agricolo di alcune zone rurali, il lavoro è ancora nei fatti una sorta di schiavitù per i soggetti più deboli; e in generale si percepisce un divario ancora troppo ampio tra l’aspetto creativo e intellettuale e quello pratico e operativo, almeno in Italia. Questo ha portato a concepire il lavoro in modo distorto e ci ha allontanato da quello che dovrebbe essere il suo vero significato e il risultato più importante, ovvero la dignità di chi lo svolge e la sua qualità, a prescindere da quale sia”.

Maledetta zappa è insomma una “non fiaba”, dove domina il sano odore del letame e il brusio dell’autostrada, ma è anche un bagno di realtà e di prassi senza fronzoli. Una riflessione resiliente sul lavoro e la sua dignità che prescinde dall’uso della matita, del mouse o della zappa. Un archetipo che – peraltro –  non suscita più visioni di fronti madide e deterse ma il potere magico di preservare la biodiversità con gesti lenti ed essenziali e con la stessa cura che si mette in un’inquadratura, nella stesura di una sceneggiatura o in quella di un budget.

“Se è riuscito a noi – scrivono decisi Cecilia e Filippo – potrebbe riuscire a chiunque”. E aggiungono una frase che mette a fuoco quello che è sotteso a tutto il libro, un fattore politico non dichiarato ma che è dentro la loro scelta: “l’impegno ecologista non è un’intenzione che deve rimanere nel cassetto. È una reale possibilità di riappropriazione pubblica del territorio e della Terra”. O ancora meglio di un terroir, magari senza la prosopopea dei francesi ma con tutto il significato di autentica espressione di un territorio che i due e il loro enologo provano a mettere nel loro vino e nel loro orto. La forza di questa filosofia è la reciprocità con la natura, che gli dona, “tra le erbe spontanee che nascono nel vigneto (…) la potentilla, la malva, la finocchiella, la piantaggine, il ranuncolo comune, il trifoglio, i muscari con i loro fiori blu e viola, l’avena selvatica, l’achillea, la comunissima pratolina, il crescione dei prati, il fiordaliso, il profumatissimo cerfoglio selvatico, l’iperico, la menta, il papavero”. E dall’orto “in estate pomodori, cetrioli, patate, zucchine, rape e peperoni; poi aglio, cipolle e porri. In inverno è la volta di zucche, biete, finocchi, verze e broccoli”.

Una potenza esplosiva della natura che l’illustratore Squaz (Pasquale Todisco) ha ben provato a imprigionare nella copertina, dove la benedetta zappa viene illuminata da una luce quasi ultraterrena e i due ragazzi assurgono alla veste, sia ben chiaro ironica, di supereroi.

“Maledetta zappa” è anche il primo libro della nuova collana Storie di Altreconomia, racconti di libere scelte, stili di vita e “impollinazioni” positive. Qui un’anteprima.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Massimo Acanfora

Alla tappa milanese di The Last 20 lanciato “L20 International Outlook”, un osservatorio permanente sui 20 Paesi più poveri.

La strada per combattere fame, povertà, disuguaglianze parte dai Paesi più poveri. Il bilancio di “The Last 20” che ha fatto tappa a Roma.

Tre giorni di incontri per riflettere su fame e insicurezza alimentare, povertà e condizione femminile dal punto di vista degli “ultimi”.

Altri articoli di Società

Voci dalla manifestazione organizzata dai collettivi romani in solidarietà con la comunità nigeriana per ricordare l’omicidio di Alika Ogorchckwu.

Una pagina di auguri per i suoi 103 anni. Così l'attore ha voluto ricordare il "Comandante Partigiano".

Stando ai dati del Mef, si conferma il trend rilevato lo scorso anno con il calo della Chiesa e la crescita dello Stato.