I Movimenti per il diritto all’abitare: “Sfrattare durante una pandemia è pura follia”

Il 30 giugno ripartiranno gli sfratti per morosità: "Servono tutele e garanzie, durante una pandemia non si può essere buttati in strada".

Filippo Poltronieri

Sabato 27 febbraio i movimenti per il diritto all’abitare, insieme al sindacato degli inquilini ASIA USB, hanno manifestato sotto al ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile. Al centro, una serie di richieste tra le quali politiche per gestire l’ondata di sfratti per morosità che riprenderanno dal 30 giugno, giorno in cui scadrà lo stop “imposto” dalla pandemia. Al termine della manifestazione una delegazione è salita per incontrare alcuni dirigenti del ministero perché, spiega il ministro Enrico Giovannini a MicroMega, “per affrontare l’emergenza che non riguarda solo il governo, ma le città, i comuni, le regioni, è necessario dialogare con tutte le parti in causa”.

Qui l’intervista al ministro Enrico Giovannini

“La residenza è un diritto, l’articolo 5 del decreto Renzi-Lupi va cancellato”

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Filippo Poltronieri

I migranti, a maggior ragione se irregolari, rischiano di restare esclusi dalla campagna vaccinale. Ne parliamo con i rappresentanti della comunità bengalese, di quella sudanese e con la FLAI CGIL di Latina.

Promossa da Radicali Italiani e altre associazioni, mira a informare le donne e a rendere più accessibile un diritto che rischia di restare solo su carta.

Che tempi per vedere il vaccino diffondersi in tutti i paesi del mondo? Come accelerare in Italia e in Europa e raggiungere l'immunità di gregge? Parla Giampiero Massolo, presidente di ISPI.

Altri articoli di Politica

Obiettivi e contraddizioni dell’iniziativa radical/leghista sulla giustizia.

I sei referendum sulla giustizia promossi da Lega e Partito radicale mirano ad “addomesticare” l’esercizio della giurisdizione.

Il campo progressista tenta di recuperare un orizzonte di valori proponendo di istituzionalizzare il famoso canto della Resistenza.