Per una cittadinanza europea digitale. Un manifesto in dieci punti

Come l’Unione Europea può strappare il controllo di internet al settore big tech e trasformare la sfera digitale in una forza per promuovere i suoi valori.

Martin Gak

Le piattaforme di social media e gli strumenti di informazione digitale sono per l’Europa la cosa più vicina a una vera sfera pubblica, transnazionale e multilingue: la proverbiale agorà europea. Gli ormai quasi due anni di crisi sanitaria globale hanno notevolmente accelerato la migrazione delle nostre vite verso ambienti virtuali, spostando i lavoratori dagli immobili commerciali europei agli spazi di lavoro digitali americani, gli acquirenti dai negozi urbani europei a quelli statunitensi e, in misura minore, ai rivenditori digitali cinesi e costringendo famiglie, amici e amanti a sostituire gli abbracci con emoji archiviati nei server americani o cinesi.

Queste aziende tecnologiche si sono spesso poste al di là o al di sopra della legge, definendo esse stesse i propri diritti e doveri. Ingabbiando la sfera pubblica digitale e sfruttando il consenso spesso disinformato degli utenti, sono riuscite a sostituire la legge con i termini di servizio delle aziende, su cui autorità e agenzie nazionali e regionali difficilmente hanno potuto esercitare il controllo.

In un recente articolo, “‘Uno Stato travestito da mercante’: i leviatani tecnologici e lo Stato di diritto”, lo studioso Christian D’Cunha ha dimostrato in modo convincente che le grandi aziende tecnologiche hanno assunto una serie di funzioni che sono di competenza dello Stato e che quest’ultimo non solo è stato incapace di opporre resistenza, ma è spesso diventato complice della privatizzazione della governance e dell’erosione dello Stato di diritto:

“La loro crescente indispensabilità per l’esercizio di talune funzioni pubbliche che spettano di diritto allo Stato, e la tendenza verso leggi che ne legittimano il potere attribuendo loro particolari responsabilità ma senza mezzi per la loro esecuzione, sembrano consentire loro di agire impunemente, come se fossero al di sopra della legge. […] Il controllo sull’ambiente e sulle infrastrutture digitali conferisce alle grandi aziende tecnologiche il potere di emanare standard di business e di governare la sfera pubblica, i consumatori e i lavoratori. […] Le grandi piattaforme vengono reclutate per affrontare le violazioni del copyright, il terrorismo e gli abusi sui minori. Contratti redditizi sono offerti dalle forze dell’ordine per impiegare la tecnologia di sorveglianza (dai campanelli “intelligenti” ai tracker dei social media) sviluppata per scopi commerciali”.
[Per continuare a leggere abbonati a MicroMega+]



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di MicroMega+

Scopri la newsletter esclusiva per abbonati di MicroMega, ogni settimana nelle vostre caselle di posta elettronica.

La terza intervista di “La politica che (non) c’è” è a Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid Italia. Una discussione a 360 gradi su prepolitica, politica, attivismo, network e mobilitazione. Sullo sfondo, la crisi dei partiti. Al centro, la differenza tra “democrazia” e “qualità della democrazia”.

Un libro di recente pubblicazione in italiano raccoglie 36 storie che raccontano la brulicante imprenditoria informale di Bombay, che procura qualunque bene o servizio attraverso reti ufficiose fatte di contatti e reciprocità. Intervista con la curatrice Lisa Björkman.