In arrivo “MicroMega+”: dal 23 aprile, ogni settimana

I ringraziamenti del direttore Paolo Flores d’Arcais a chi si è abbonato e a chi si abbonerà al nuovo prodotto settimanale.

Paolo Flores d'Arcais

AGGIORNAMENTO: Micromega+ è online dal 23 aprile

 

Cari amici,

questa nuova avventura di MicroMega è costellata di sfide. Una di queste è la messa a punto di un nuovo prodotto digitale settimanale, MicroMega+, una newsletter esclusiva ad abbonamento, una scommessa che abbiamo lanciato un po’ al buio. La risposta è andata oltre le nostre aspettative. La scorsa settimana eravate già più di 500, negli ultimi sette giorni più di altri cento amici si sono aggiunti: a loro, e a tutti voi, va il mio ringraziamento e il benvenuto in questa piccola, grande comunità dei lettori più affezionati di MicroMega.

Come vi raccontavamo già la scorsa settimana, stiamo lavorando per offrirvi un prodotto che speriamo all’altezza delle vostre aspettative.

MicroMega è nata esattamente 35 anni fa come una rivista-libro. Oggi non perde la sua identità (la rivista-libro la trovate come sempre in edicola e in libreria) ma cresce e si apre alle nuove forme della comunicazione, grazie al sito quotidianamente aggiornato e gratuito che già conoscete e a MicroMega+ che arriverà nelle caselle di posta elettronica degli abbonati ogni settimana a partire dal 23 aprile.

Come ho già avuto modo di scrivere, MicroMega oggi più che mai ha bisogno non solo di lettori esigenti, ma anche sempre più di lettori partecipi. L’invito, a chi non lo avesse già fatto, è ad abbonarsi a MicroMega+. È grazie a voi che potremo continuare quello che abbiamo fatto in questi 35 anni.

Per abbonarsi a MicroMega+: https://bit.ly/micromega-più



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Paolo Flores d'Arcais

Si avverte una sorta di rassegnazione, di silenzio di lutto. E invece c'è e ci sarà da lottare, eccome.

Nessuna rassegnazione. Lo vietano anche i numeri: prese nel loro insieme le destre si fermano al 46%, mentre le non-destre si attestano al 52%.

Tutti ai seggi, ingoiando rospi e anche peggio, pur di limitare l’ondata nera che dovremo comunque constatare domenica sera.

Altri articoli di Sostienici

Pubblichiamo due estratti degli interventi di Rosi Braidotti e Moni Ovadia dal cartaceo.

Con contributi di Daniel Cohn-Bendit, Marco d’Eramo, Federica D’Alessio, Monica Di Sisto, Nicolò Bellanca, Alessio Giussani.