Cosa c’è dietro il gran numero di migranti arrivati in Italia negli ultimi giorni

Sara Prestianni, di EuroMed Rights, denuncia: "Tunisia e Libia stanno usando i corpi dei migranti per far pressione sull'Ue". Riccardo Gatti (Open Arms): "Con le navi delle ong ferme nessun soccorso in mare". E i morti 'ufficiali' nel 2021 sono già più di seicento.

Valerio Nicolosi

Come accade ogni primavera, la rotta del Mediterraneo centrale sta vedendo ormai da giorni migliaia di persone in viaggio verso l’Itali dalla Libia e dalla Tunisia. A Lampedusa sono arrivate circa tremila persone nelle ultime due settimane. Contemporaneamente le navi delle ONG continuano a essere ferme in porto, bloccate da fermi amministrativi.

Sara Prestianni, di EuroMed Rights, da anni si occupa di rotte migratorie e in questo momento vive a Bruxelles, dove si sta discutendo il nuovo Patto delle migrazioni europeo. “La solidarietà prevista in questo nuovo patto è solo tra gli Stati e non tra le persone” ci dice, mettendo l’accento sulla politica dei rimpatri che i governi potranno mettere in campo più liberamente se dovesse essere approvato. Libia e Tunisia “stanno applicando il modello Erdogan: spingono sulle partenze per avere più potere in sede di trattativa”.

Riccardo Gatti è comandante e capo missione della Open Arms e in questo momento si trova a Pozzallo, a bordo della nave ferma proprio per un cavillo amministrativo: “Nel corso degli anni” spiega, “la situazione è peggiorata e con le navi ferme in porto nessuno fa soccorsi in mare”. Ma, attenzione: “Le partenze non sono ripartite, ci sono sempre state”.

[Foto di Valerio Nicolosi]



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Ci siamo imbarcati da Fiumicino sulla San Vincenzo guidati dal comandante Gennaro Esposito per immortalare il momento in cui le reti vengono issate a bordo.

Il climatologo spiega le ragioni che hanno spinto associazioni e cittadini a portare in tribunale lo Stato per inadempienza contro la crisi climatica.

Dal blocco delle ONG alla normalizzazione dei rapporti con la Libia. Il governo Draghi è arrivato dove i precedenti non erano arrivati.

Altri articoli di Video

Ci siamo imbarcati da Fiumicino sulla San Vincenzo guidati dal comandante Gennaro Esposito per immortalare il momento in cui le reti vengono issate a bordo.

Il climatologo spiega le ragioni che hanno spinto associazioni e cittadini a portare in tribunale lo Stato per inadempienza contro la crisi climatica.

Il 30 percento di chi contrae il virus continua ad avere seri problemi di salute anche dopo il famoso tampone negativo: affanno, problemi respiratori, vuoti di memoria. Marta si è ammalata nei primi mesi del 2020 e ancora oggi non è tornata a una vita normale. Problemi e cure sono ancora da scoprire.