Montanari: “Quanta ipocrisia attorno al discorso di Mattarella”

Tomaso Montanari commenta il discorso di insediamento del Presidente della Repubblica Mattarella.

Valerio Nicolosi

“Una scena inquietante, con i parlamentari che si alzavano e sedevano per battere le mani. Era un’orgia di ipocrisia”. In questo video Tomaso Montanari commenta a caldo il discorso del Presidente della Repubblica Mattarella per l’insediamento del suo secondo mandato.
Per Montanari è stato un lungo elenco di temi che sono già nella Costituzione Italiana, “tanto valeva leggerla” dichiara lo storico dell’arte che aggiunge: “la Costituzione non è attuata per la responsabilità della gran parte dei parlamentari che seduti davanti a lui, che lo hanno eletto e che gli battevano le mani”. I richiami all’unità nazionale secondo lo storico dell’arte “nascondono il conflitto sociale, perché i ricchi e i poveri non vogliono le stesse cose, per questo è doveroso che il conflitto arrivi in parlamento, altrimenti lo troviamo nelle strade”.

Il Mattarella bis e il commissariamento della politica

Mattarella bis, l’avanspettacolo della politica e la sinistra che non c’è



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il nuovo accordo supera Dublino. Ma è una vittoria della destra che non vuole accogliere. Vediamo perché.

A poco meno di un anno di distanza dal ritorno dei talebani a Kabul, i corridoi umanitari italiani sono ancora fermi a causa della burocrazia.

Anche se il soccorso in mare è sparito dalle cronache, i migranti continuano a partire dalla Libia. E a morire.

Altri articoli di Politica

L’Italia della Seconda Repubblica da tempo non è più quella del voto per ideologia e appartenenza politica.

I partiti di centrosinistra hanno compensato la dissoluzione della loro base sociale con la solida vita nei governi locali e anche nazionale.

La classe dirigente uscente, nonostante abbia dato dimostrazione di grandi fallimenti, è stata riconfermata dagli elettori siciliani.