No alla Repubblica presidenziale, no a Draghi

Nella conferenza stampa di fine anno, il Presidente del Consiglio si è ufficialmente proposto a Presidente della Repubblica.

Giorgio Cremaschi

Nella conferenza stampa di fine anno, il Presidente del Consiglio Mario Draghi si è ufficialmente proposto a Presidente della Repubblica. In realtà da tempo era in campo, il suo ministro di fiducia Giorgetti ne aveva già lanciato la candidatura e la grande stampa economica internazionale, opportunamente imbeccata dal nostro paese, aveva fatto eco dopo una prima incomprensione.

Infatti inizialmente Economist e Financial Times avevano speso articoli per spiegare che Draghi non avrebbe dovuto muoversi da dove oggi sta, pena quell’instabilità degli affari che è ciò che più preoccupa i due giornali e i loro padroni. Poi qualcuno ha spiegato a quelle redazioni che il banchiere come Presidente del Consiglio durerebbe al massimo fino al 2023, mentre a capo della Repubblica resterebbe fino al 2029. Inoltre a quel qualcuno avrà anche chiarito che i poteri del capo dello stato non sono così deboli, visti i precedenti di Napolitano e Mattarella. Del resto il solito Giorgetti aveva già incautamente affermato che con Draghi capo dello stato l’Italia sarebbe stata di fatto una repubblica (semi) presidenziale. E alla fine Economist e Financial Times hanno cambiato linea e improvvisamente sono diventati sponsor del passaggio al Quirinale del capo del governo. È stato un segnale chiaro a Letta, Salvini e compagnia, che cercavano ancora di far finta di contare qualcosa senza pagare dazio: i giochi sono finiti.

Così Mario Draghi, di fronte a una platea di giornalisti plaudenti e servili come non mai, ha affermato di essere un nonno a disposizione delle istituzioni. E per chiarire ulteriormente le sue intenzioni ha posto due paletti a sostegno della sua candidatura. Il primo è stato quello di rassicurare quella vasta area di parlamentari, che magari lo voterebbe ma che teme dopo di lui le elezioni anticipate, che con lui capo dello stato non si voterebbe prima del 2023. In secondo luogo ha minacciato il centrodestra di sfracelli se volesse eleggersi un suo presidente magari contando sui voti di Renzi, affondando così definitivamente la penosa e squalificante candidatura di Berlusconi. Che resterà in piedi solo per spauracchio utile a Draghi.

Ci vuole un capo dello stato eletto da tutti, ha affermato il Presidente del Consiglio, alludendo al suo governo votato da quasi tutti, guarda caso auspicando che anche Meloni entri in esso.

Ora Draghi è concretamente in campo e lo scomposto balbettio dei ridicoli leader dei partiti, incapaci e impossibilitati nel dire le sole parole chiare: no perché non vogliamo un presidente coi superpoteri, fa capire che la sua marcia verso il Quirinale troverà ben pochi ostacoli nel palazzo. Un palazzo che litiga sul nulla, ma che si trova subito unito con Draghi nel respingere la legge contro le delocalizzazioni degli operai della GKN.

Noi che già il 4 dicembre siamo scesi in piazza con il No Draghi Day e che il 5 dicembre abbiamo lanciato un appello per non eleggere Draghi Presidente della Repubblica, oggi siamo ancora più convinti delle nostre scelte, per quanto totalmente contro corrente rispetto alla deriva del sistema politico. Di un sistema politico che dopo aver colpito la Costituzione nei suoi principi sociali con trent’anni di politiche liberiste, ora si prepara ad affondarla anche su quello delle regole democratiche. Che sarebbero sempre più ridotte a vuota forma, sotto la supervisione di un lord protettore incoronato presidente dal padronato, dalle banche, dai poteri economici italiani ed europei, dalla NATO. E ovviamente da una classe politica senza alcuna dignità.

No alla repubblica (semi) presidenziale (totalmente) bancaria e confindustriale. No a Draghi presidente.

Qui l’appello NO A DRAGHI PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Giorgio Cremaschi

Commento al blitz nella sede dell'Unione sindacale di base, dove i carabinieri si sono recati per una perquisizione alla ricerca di armi.

Questa è una guerra mostruosa che nessuno può vincere. Il solo modo di fermarla è un compromesso di pace doloroso per tutte le parti.

Altri articoli di Blog

Mattarella di ritorno a Trieste per continuare un percorso di pace è insediato dalla destra populista e dal presidenzialismo meloniano.

Sarebbe assai interessante sapere le motivazioni che hanno portato, nei giorni scorsi, la commissione preposta dal Comune di Milano per valutare la collocazione di opere d’arte nello spazio cittadino a negare l’esposizione in una pubblica piazza della statua donata dalle eredi della scultrice Vera Omodeo, morta lo scorso anno. La statua, che rappresenta una  donna...

Il lavoro di Teresa Antignani è un connubio tra arte e resistenza, che prende forma con il racconto degli scempi e dei conflitti ambientali.