Noury (Amnesty): “S. Maria Capua Vetere è una nuova Bolzaneto, subito i codici sulle divise”

In occasione del ventesimo anniversario dal G8 di Genova e a dieci anni dal lancio della campagna per il codice alfanumerico sul casco delle forze dell’ordine, il portavoce di Amnesty International, a MicroMega, denuncia: “Siamo tra i cinque Paesi europei a non adottare questa misura”.

Valerio Nicolosi

“Io credo che i fatti del G8 di Genova siano irripetibili ma potrebbero verificarsi in forma diversa. Santa Maria Capua Vetere è una nuova Bolzaneto”. Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, intervistato da MicroMega in occasione del ventesimo anniversario dal G8 di Genova e a dieci anni dal lancio della campagna della stessa Amnesty per il codice identificativo alfanumerico sul casco delle forze dell’ordine.

In questi giorni l’associazione ha rilanciato la raccolta firme: “Senza questi codici non abbiamo potuto riconoscere i poliziotti che fecero irruzione nella scuola Diaz, siamo tra i cinque Paesi europei a non adottare questa misura che il Parlamento Europeo ci chiede”.

Per i fatti della scuola Diaz e Bolzaneto nessuno fu condannato per il reato di tortura, all’epoca non presente nell’ordinamento giuridico italiano e introdotto solo nel 2017. Da allora però altri casi di violenze e abusi hanno visto coinvolti polizia e carabinieri.

“Salvo alcuni casi, abbiamo visto come da parte dello Stato non ci sia la volontà di trovare verità e giustizia. Penso al caso di Stefano Cucchi, dove alla fine la giustizia è arrivata dopo anni di muro. Nel nostro Paese l’elenco dei morti per mano dello Stato è lungo”.

 

SU QUESTO TEMA LEGGI ANCHE:

Malapolizia, la tortura come prassi quotidiana



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Le testimonianze degli operai dei due stabilimenti che le multinazionali proprietarie hanno deciso di chiudere dall’oggi al domani.

ActionAid lancia la campagna “Diritti in giacenza” per garantire a tutti, senza discriminazioni, l’accesso ai diritti fondamentali.

I 422 operai dello stabilimento di Campi Bisenzio continuano la mobilitazione. Li abbiamo incontrati all’esterno della fabbrica.

Altri articoli di Politica

L’analisi sarà al centro di un convegno che il 29 luglio vedrà intervenire, tra gli altri, Borsellino, Caselli, Don Ciotti, Travaglio, Montanari.

Il progetto dello Spi-Cgil: un viaggio multimediale per trasmettere ai giovani il valore di un pezzo fondamentale della storia italiana.

Marco Cappato (Associazione Coscioni). “Parlamento fermo. Tv assenti. Ma la gente firma perché conosce direttamente il problema”.