Noury (Amnesty): “S. Maria Capua Vetere è una nuova Bolzaneto, subito i codici sulle divise”

In occasione del ventesimo anniversario dal G8 di Genova e a dieci anni dal lancio della campagna per il codice alfanumerico sul casco delle forze dell’ordine, il portavoce di Amnesty International, a MicroMega, denuncia: “Siamo tra i cinque Paesi europei a non adottare questa misura”.

Valerio Nicolosi

“Io credo che i fatti del G8 di Genova siano irripetibili ma potrebbero verificarsi in forma diversa. Santa Maria Capua Vetere è una nuova Bolzaneto”. Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, intervistato da MicroMega in occasione del ventesimo anniversario dal G8 di Genova e a dieci anni dal lancio della campagna della stessa Amnesty per il codice identificativo alfanumerico sul casco delle forze dell’ordine.

In questi giorni l’associazione ha rilanciato la raccolta firme: “Senza questi codici non abbiamo potuto riconoscere i poliziotti che fecero irruzione nella scuola Diaz, siamo tra i cinque Paesi europei a non adottare questa misura che il Parlamento Europeo ci chiede”.

Per i fatti della scuola Diaz e Bolzaneto nessuno fu condannato per il reato di tortura, all’epoca non presente nell’ordinamento giuridico italiano e introdotto solo nel 2017. Da allora però altri casi di violenze e abusi hanno visto coinvolti polizia e carabinieri.

“Salvo alcuni casi, abbiamo visto come da parte dello Stato non ci sia la volontà di trovare verità e giustizia. Penso al caso di Stefano Cucchi, dove alla fine la giustizia è arrivata dopo anni di muro. Nel nostro Paese l’elenco dei morti per mano dello Stato è lungo”.

 

SU QUESTO TEMA LEGGI ANCHE:

Malapolizia, la tortura come prassi quotidiana



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Intervista a Riccardo Gatti, comandante di navi e capo missione di operazioni di ricerca e soccorso in mare.

Nel libro di Daniele Napolitano e Giovanni Cozzupoli il racconto fotografico di come una palestra popolare ha cambiato la borgata del Quarticciolo a Roma.

L’ipocrisia di Bruxelles, contraria al muro europeo chiesto da 12 paesi ma favorevole a politiche contro i migranti non meno brutali.

Altri articoli di Politica

Pubblichiamo un estratto dal nuovo saggio dello storico Francesco Filippi, “Noi però gli abbiamo fatto le strade”.

In assenza di una forte alternativa politica di sinistra la democrazia si riduce sempre più alla competizione tra diverse versioni dello stesso partito.

Lo squagliamento della destra, il sistema elettorale a doppio turno delle comunali e il disinteresse verso la politica.