Noury (Amnesty): “S. Maria Capua Vetere è una nuova Bolzaneto, subito i codici sulle divise”

In occasione del ventesimo anniversario dal G8 di Genova e a dieci anni dal lancio della campagna per il codice alfanumerico sul casco delle forze dell’ordine, il portavoce di Amnesty International, a MicroMega, denuncia: “Siamo tra i cinque Paesi europei a non adottare questa misura”.

Valerio Nicolosi

“Io credo che i fatti del G8 di Genova siano irripetibili ma potrebbero verificarsi in forma diversa. Santa Maria Capua Vetere è una nuova Bolzaneto”. Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, intervistato da MicroMega in occasione del ventesimo anniversario dal G8 di Genova e a dieci anni dal lancio della campagna della stessa Amnesty per il codice identificativo alfanumerico sul casco delle forze dell’ordine.

In questi giorni l’associazione ha rilanciato la raccolta firme: “Senza questi codici non abbiamo potuto riconoscere i poliziotti che fecero irruzione nella scuola Diaz, siamo tra i cinque Paesi europei a non adottare questa misura che il Parlamento Europeo ci chiede”.

Per i fatti della scuola Diaz e Bolzaneto nessuno fu condannato per il reato di tortura, all’epoca non presente nell’ordinamento giuridico italiano e introdotto solo nel 2017. Da allora però altri casi di violenze e abusi hanno visto coinvolti polizia e carabinieri.

“Salvo alcuni casi, abbiamo visto come da parte dello Stato non ci sia la volontà di trovare verità e giustizia. Penso al caso di Stefano Cucchi, dove alla fine la giustizia è arrivata dopo anni di muro. Nel nostro Paese l’elenco dei morti per mano dello Stato è lungo”.

 

SU QUESTO TEMA LEGGI ANCHE:

Malapolizia, la tortura come prassi quotidiana



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il nuovo accordo supera Dublino. Ma è una vittoria della destra che non vuole accogliere. Vediamo perché.

A poco meno di un anno di distanza dal ritorno dei talebani a Kabul, i corridoi umanitari italiani sono ancora fermi a causa della burocrazia.

Anche se il soccorso in mare è sparito dalle cronache, i migranti continuano a partire dalla Libia. E a morire.

Altri articoli di Politica

Sfugge al ministro che l'umiliazione è esattamente “l'anima del bullismo”. Il sospetto è che voglia combatterlo con il “bullismo di stato”.

Chi abbia l’ultima parola sulla fine della guerra in Ucraina è oggetto di dibattito da quando è chiaro che l’Ucraina resiste.

Lo stupore per la manovra Meloni ha il solo merito di spazzare via alcune grullaggini consolatorie circolate all’avvento della premier.