Terremoto e pandemia: viaggio nelle zone del sisma del 2016

VIDEOINCHIESTA | A distanza di quasi cinque anni dall'inizio dello sciame sismico che colpì il Centro Italia, un viaggio nelle zone terremotate per raccontare gli effetti del Covid-19 sulla ricostruzione e sulla vita di abitanti e lavoratori.

Valerio Nicolosi

Quattro anni e mezzo, cinque governi, quattro commissari straordinari e tante procedure, la gran parte delle quali sono servite a poco o nulla, se non a ritardare la ricostruzione nelle Marche e nel resto del cratere del Sisma del Centro Italia del 2016.

Nei primi mesi del 2020 esce l’ordinanza numero cento del commissario straordinario Legnini che semplifica le procedure per l’avvio dei cantieri e la ricostruzione, ma la pandemia ferma di nuovo tutto, lasciando in sospeso chi vive nelle SAE, soluzioni abitative emergenziali, e che aggiunge a un trauma “locale”, il terremoto, quello globale della pandemia.

Per le famiglie di Ussita è tutto assurdo: “Prima per stare sicuri dovevano abbandonare le loro case e ora invece per essere sicuri devono stare in casa” racconta Giovanna Bianco, psicologa e referente del Progetto Sisma di Emergency che ha dato supporto psicologico alle popolazioni marchigiane colpite dal terremoto.

Un affare grande, quello della ricostruzione, che come in ogni emergenza, con le deroghe per velocizzare alcune procedure, lascia spazio alla criminalità per inserirsi negli appalti. La CGIL di Macerata insieme alla Prefettura ha portato avanti diverse denunce di sfruttamento della manodopera in nero.

SOSTIENI MICROMEGA

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il Tribunale ha revocato i licenziamenti dei lavoratori dell’azienda. Il collettivo di fabbrica: “Subito la legge contro le delocalizzazioni”.

L’Europa ha perso l’ennesima occasione per ripensare le sue politiche migratorie, rimpiazzando una prigione con un’altra prigione.

Nella stazione di polizia di Korenica la pratica della violenza e della tortura contro i migranti è divenuta prassi quotidiana.

Altri articoli di Video

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”.

Intervista a Cecilia Strada che si trova a bordo della nave ResQ: “Essere qui e salvare vite è il modo migliore per salutare mio padre”.

A bordo di una piccola imbarcazione, accompagnati da un gruppo di attivisti, per mostrare l’inquinamento del fiume della Capitale.