Ma il Parlamento italiano sarà il posto giusto per fare una legge sui diritti LGBT?

Invece che camera di compensazione dei conflitti sociali, il Parlamento italiano è divenuto un organo della società dello spettacolo. Un posto dove fare piazzate sotto l’occhio delle telecamere, proseguendo la campagna elettorale permanente.

Mauro Barberis

Sulla questione della laicità e dei diritti LGBT, oggi al centro della politica europea, il premier Draghi ha fornito l’unica risposta che uno statista poteva fornire: non è materia di trattative fra Italia e Vaticano, né di attività di governo, ma è questione di competenza del Parlamento. Il problema, però, è sempre quello: il nostro supremo organo legislativo. Certo, una legge su quel tema sarebbe stata criticata anche se fosse stata perfetta: basta vedere l’assenso di Salvini per la legge ungherese anti-LGBT, oggetto della riprovazione europea. Ma su due cose i critici hanno ragione: il disegno di legge Zan, nonostante i suoi contenuti di civiltà, è scritto male e, peggio ancora, è una legge-manifesto, rappresentativa della scarsa qualità della nostra legislazione recente.

C’è voluto l’emendamento proposto dal liberale Enrico Costa, oggi con Calenda, domani chissà, per introdurre nella legge la precisazione dell’art. 4: la legge non si applica alle mere opinioni, che non producano concrete violenze e discriminazioni, sicché uno può manifestare omofobia sinché vuole purché non faccia del male a nessuno. Precisazione indispensabile perché – con un altro difetto tipico delle leggi italiane – il ddl Zan integra due articoli della legge Mancino del 1994: che, a sua volta, potrebbe essere interpretata nel senso di punire la mera propaganda.

Infine, il ddl Zan è una legge-manifesto, che istituisce l’ennesima giornata nazionale, stavolta non per ricordare eventi come l’Olocausto e le Foibe, ma per deprecare una lunga serie di fobie, alcune delle quali mai sperimentate da un essere umano. Legge-manifesto più imbarazzante, per un liberale, di quella pubblicità televisiva in cui il padre saluta compiaciuto fidanzati omo avvolti nella bandiera tricolore: quando invece l’outing, per molti, è ancora causa di autentici traumi.

Del resto, che la nostra legislazione recente sia mediamente tremenda, anche quando è animata dalle migliori intenzioni, è ormai un luogo comune, condiviso da chi insegna drafting legislativola materia più inutile del mondo, a giudicare dai risultati – con chiunque provi a consultare una legge senza l’assistenza di un avvocato. L’unico lettore, quest’ultimo, cui il legislatore apparentemente si rivolge, e anche l’unico che ci guadagna. Questo avviene soprattutto in materie eticamente sensibili come i diritti LGBT, come constatato dalla Corte costituzionale.

Ancora nella recente decisione sulla diffamazione tramite media, come nelle precedenti sentenze sul suicidio assistito e sull’ergastolo ostativo, la Corte ha constatato l’inutilità di dare un anno di tempo al Parlamento per riformare leggi incostituzionali: il Parlamento non lo fa, non ci riesce, forse neppure gli interessa. Altro che government by discussion, come predicava John Stuart Mill: se sei interessato ai tuoi diritti civili, ormai, ti conviene rivolgerti ai giudici – unica categoria, oggi, più impopolare dei parlamentari – sperando così di arrivare alla Corte costituzionale o alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Perché il Parlamento, apparentemente, è divenuto l’ultimo posto al mondo dove fare leggi sui diritti? Forse perché, invece che la camera di compensazione dei conflitti sociali, è divenuto un organo della società dello spettacolo. Un posto dove fare piazzate sotto l’occhio delle telecamere, proseguendo la campagna elettorale permanente. Rimedi? Cambiare i criteri di selezione della classe politica: vecchio discorso anche questo, ma da ripetere come un mantra.

 

(foto credit Edoardo Simon, CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons)



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Mauro Barberis

L’unica vera proposta programmatica della destra-destra è la riforma in senso presidenzialista della Costituzione.

Posso dire che il discorso d’insediamento della Meloni mi è piaciuto? Posso dirlo, cioè, senza suscitare il sospetto di salire sul carro del vincitore, dopo una vita passata a scenderne? Mi è piaciuto il suo riferimento a se stessa, e ai propri ceti di riferimento, con il termine inglese ‘underdog(s)’: outsider, perdenti-nati capaci di sovvertire...

L’elezione dei Presidenti delle Camere era una sorta di trailer di ciò che sarà la diciannovesima legislatura. Un trailer agghiacciante.

Altri articoli di Blog

Stiamo pericolosamente americanizzandoci, recependo un modello di comunicazione politica che utilizza la mistificazione a tutto regime.

Dopo i feroci assassinii di Roma, manca qualcosa nell'analisi diffusa della compravendita del corpo femminile.

I 5 Stelle e molti pacifisti non sono contenti della controffensiva ucraina e non ne fanno mistero.