Pena di morte, la Repubblica islamica dell’Iran è il primo boia al mondo

Nel 2023 si è registrato il più alto numero di esecuzioni da quasi un decennio, nonostante il numero degli Stati – solo 16 – che praticano la pena di morte abbia raggiunto un minimo storico. Mentre è ignoto il numero di esecuzioni che avviene in Cina, è la Repubblica islamica dell'Iran a guidare la macabra classifica dei boia.

Amnesty International Italia

Nel 2023, secondo il rapporto annuale sulla pena di morte nel mondo reso noto oggi da Amnesty International, c’è stato il più alto numero di esecuzioni da quasi un decennio, con un netto aumento registrato nel Medio Oriente.

Senza tener conto delle migliaia presumibilmente portate a termine in Cina, lo scorso anno le esecuzioni sono state 1153, con un aumento di oltre il 30 per cento rispetto al 2022. Si tratta del più alto numero di esecuzioni registrato da Amnesty International dal 2015, quando erano state 1634.

Nonostante questo aumento, il numero degli Stati che hanno eseguito condanne a morte ha raggiunto un minimo storico: solo 16.

“Il profondo incremento delle esecuzioni è stato dovuto soprattutto all’Iran, le cui autorità hanno mostrato un totale disprezzo per la vita umana con un aumento delle esecuzioni per reati di droga che, ancora una volta, ha messo in luce l’impatto discriminatorio della pena di morte sulle comunità più povere e marginalizzate dell’Iran”, ha dichiarato Agnès Callamard, segretaria generale di Amnesty International.

“Nonostante questi passi indietro, soprattutto nel Medio Oriente, gli Stati che ancora eseguono condanne a morte sono sempre più isolati. La nostra campagna contro questa orribile punizione funziona. La porteremo avanti fino a quando la pena di morte non sarà stata abolita”, ha aggiunto Callamard.

I cinque Stati che, nel 2023, hanno eseguito il maggior numero di condanne a morte sono Cina, Iran, Arabia Saudita, Somalia e Stati Uniti d’America. L’Iran, da solo, ha fatto registrare il 74 per cento di tutte le esecuzioni note, l’Arabia Saudita il 15 per cento. In Somalia e negli Stati Uniti d’America le esecuzioni sono aumentate.

C’è stato un incremento, del 20 per cento, anche nel totale delle condanne a morte emesse nel 2023: 2428.

L’aumento delle esecuzioni in Iran
Nel 2023 le autorità iraniane hanno intensificato l’uso della pena di morte per seminare paura nella popolazione e tenersi aggrappate al potere. Sono state messe a morte almeno 853 persone, con un aumento del 48 per cento rispetto alle 576 esecuzioni del 2022.

Le esecuzioni hanno avuto un impatto sproporzionato (il 20 per cento del totale) sui beluci, la minoranza etnica che costituisce solo il cinque per cento della popolazione. Ci sono state anche almeno 24 esecuzioni di donne e di almeno cinque di minorenni al momento del reato.

Almeno 545 delle 853 esecuzioni sono state illegali, ossia hanno riguardato reati che secondo il diritto internazionale non dovrebbero essere puniti con la pena capitale, come i reati di droga, le rapine e lo spionaggio. Le esecuzioni per reati di droga hanno costituito il 56 per cento del totale, con un aumento dell’89 per cento rispetto alle 255 del 2022.

Passi indietro negli Stati Uniti d’America e nell’Africa subsahariana
Negli Stati Uniti d’America i progressi degli ultimi anni hanno segnato il passo: nel 2023 le esecuzioni sono state 24 rispetto alle 18 del 2022. Nell’Idaho e nel Tennessee sono state presentate proposte di legge per introdurre il metodo del plotone d’esecuzione, mentre nel Montana è stato proposto di aumentare i medicinali da usare nell’iniezione letale. Nella Carolina del Sud è entrata in vigore una legge che vieta di rivelare l’identità delle persone o degli enti coinvolti nel preparare le esecuzioni e nel portarle a termine.

“Un piccolo gruppo di Stati degli Usa ha mostrato un tremendo attaccamento alla pena di morte e una cinica intenzione di investire risorse nell’uccidere esseri umani. Il nuovo metodo di esecuzione tramite asfissia da azoto è stato vergognosamente applicato, senza essere testato, nei confronti di Kenneth Smith, solo 14 mesi dopo che era sopravvissuto a un tentativo particolarmente cruento di metterlo a morte”, ha commentato Callamard.

“Il presidente Biden deve smetterla di rimandare la sua promessa di abolire la pena di morte a livello federale”, ha aggiunto Callamard.

Altri passi indietro sono stati registrati nell’Africa subsahariana, dove sono aumentate sia le condanne a morte che le esecuzioni: queste ultime sono più che triplicate nel 2023, passando dalle 11 dell’anno precedente a 38 e le condanne a morte sono nettamente aumentate del 66 per cento: da 298 nel 2022 a 494 nel 2023. Nessuno stato della regione ha abolito la pena di morte.

Un segreto di stato
A causa del segreto di stato che avvolge l’uso della pena capitale in alcuni stati, i dati di Amnesty International non includono le migliaia di esecuzioni che, presumibilmente, sono state portate a termine in Cina, che rimane al primo posto nel mondo per numero di esecuzioni. Allo stesso modo, non è stato possibile proporre dati su Corea del Nord e Vietnam, due stati che si ritiene continuino a ricorrere in modo massiccio alle esecuzioni.

In ogni caso, dalle scarse informazioni ufficiali trapelate da questi stati emerge un chiaro messaggio destinato alle loro popolazioni: i reati o il dissenso saranno puniti con la morte, che resta in questo modo un’arma nelle mani delle autorità per mantenere il controllo e reprimere il dissenso.

In Cina gli organi d’informazione dello stato hanno ricordato alla popolazione che reati come il traffico di droga o la corruzione saranno duramente puniti con la pena capitale. Nella Corea del Nord è stata promulgata una legge che prevede la pena di morte per coloro che non parlano la lingua nativa coreana.

In Myanmar la giunta militare ha continuato a imporre condanne a morte, al termine di processi segreti e gravemente irregolari celebrati da tribunali controllati dall’esercito.

Nonostante i passi indietro, si continua a progredire
Malgrado i passi indietro fatti registrare da pochi Stati, i progressi non si fermano: oggi 112 stati sono completamente abolizionisti, su un totale di 144 stati che hanno abolito la pena di morte nelle leggi o nella prassi.

Nel 2023 ci sono state esecuzioni in 16 stati, il più basso numero mai registrato da Amnesty International. A differenza del 2022, non ci sono state esecuzioni in Bielorussia, Giappone, Myanmar e Sud Sudan.

In Asia, il Pakistan ha annullato la pena di morte per reati di droga, in Malesia è stata annullata l’obbligo d’infliggere la pena di morte per determinati reati e le autorità dello Sri Lanka hanno confermato, smentendo il pericolo di un ritorno della pena di morte, che il presidente non intende firmare ordini di esecuzione.

Sebbene nessuno stato dell’Africa subsahariana abbia cancellato la pena capitale, proposte abolizioniste sono in discussione in Kenya, Liberia e Zimbabwe. In Ghana, il parlamento ha approvato due proposte in tal senso, ma alla fine del 2023 non erano ancora diventate legge.

“La discriminazione e l’arbitrarietà insite nell’uso della pena di morte non fanno altro che rafforzare le violazioni dei diritti umani del sistema di giustizia penale. La piccola minoranza di stati che ancora si ostina a usare la pena di morte deve mettersi al passo coi tempi e abolirla una volta per tutte”, ha sottolineato Callamard.

“Di pena di morte si parlerà ancora all’Assemblea generale delle Nazioni Unite di quest’anno. Sollecitiamo tutti i governi a unirsi alla richiesta delle Nazioni Unite di porre fine all’uso della pena di morte, mostrando così un forte impegno verso i diritti umani”, ha concluso Callamard.

CREDITI FOTO: © Michael Kuenne/PRESSCOV via ZUMA Press Wire via ANSA. Manifestazione contro l’esecuzione del rapper Toomaj Salehi ordinata dal regime in Iran. Berlino, 27 aprile 2024.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Amnesty International Italia

“Conseguenze. Ingiustizia, torture e morti in detenzione nel Nordest della Siria": il nuovo report di Amnesty International.

Nell'anniversario del conflitto in Sudan la risposta della comunità internazionale è inadeguata: vittime civili in aumento in tutto il Paese.

Amnesty International rende noti i dati sconcertanti relativi all'aumento degli omicidi di stato attraverso la pena di morte in Iran.

Altri articoli di La parola a...

Venerdì 13 giugno tutti davanti a Montecitorio contro il Ddl sull'autonomia differenziata che sarà discusso, forse votato, in Parlamento.

134 economisti italiani provenienti da 50 università hanno firmato un Manifesto a supporto di un’agenda “Tax The Rich”.

La rete dei centri antiviolenza D.i.Re promuoverà azioni di resistenza e di monitoraggio sulla corretta applicazione della legge 194.