La periferia salverà la città

Video - Dibattito con diversi ospiti, tra cui Luca Mercalli, Francesco Ferrini, Paolo Pileri organizzato da Slow News nell'ambito del Festival delle Periferie.

Redazione

L’adattamento e la lotta al cambiamento climatico è una delle principali sfide per le città. Le ‘aree verdi’ e i suoli non edificati – siano parchi, foreste urbane o campi – giocano un ruolo fondamentale. Oltre ad avere un valore di per sé, forniscono servizi ecosistemici: mitigano il calore e gli impatti di eventi naturali estremi, garantiscono benessere agli abitanti, aumentano la coesione sociale, sono fonte di cibo. In questo quadro le città non possono più permettersi di distruggere per sempre il proprio suolo non edificato, il cui valore è poco conosciuto e tutelato. Sono le periferie delle aree urbanizzate – in questo Roma è un esempio unico – ad avere maggiore disponibilità di suoli non edificati. Saranno le periferie a salvare la città?

Partecipano:
Luca Mercalli – Climatologo e divulgatore scientifico, Presidente della Società Meteorologica Italiana
Francesco Ferrini – Professore ordinario di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree all’Università di Firenze
Alessandra Valentinelli – Storica, urbanista, Forum territoriale permanente del Parco delle Energie
Paolo Pileri – Docente di Pianificazione territoriale ambientale al Politecnico di Milano
Giacomo Lepri – Presidente della cooperativa agricola Co.r.ag.gio
Giulia Barlozzari – Gruppo ambiente e territorio (GAT) della Libera assemblea di Centocelle
Moderano Ylenia Sina e Andrea Spinelli Barrile

L’evento è organizzato da Slow News nell’ambito di Iper – Festival delle periferie. Il programma completo e tutti gli eventi in streaming sono visibili sul sito.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Redazione

Obiettivo: eliminare il reato di coltivazione, rimuovere le pene detentive e cancellare la sanzione amministrativa del ritiro della patente.

Due estratti dal libro Reddito di base – Liberare il XXI secolo di Andrea Fumagalli, Sandro Gobetti, Cristina Morini e Rachele Serino.

Con contributi di: Ettore Mo, Ingrid Colanicchia, Nicolò Bellanca, Siri Hustvedt, Federico Bonadonna, Valerio Nicolosi.

Altri articoli di Cultura

Da “Dr. House” a “Detective Monk”: il racconto innovativo del disagio, non solo mentale, nelle serie tv.

La chiusura delle sale cinematografiche mina la sopravvivenza di un incomparabile patrimonio collettivo di storia, socialità e cultura.

Una riflessione linguistica sull’uso degli aggettivi a margine di uno scritto comparso su Doppiozero.