Tra pesci e plastica: il racconto di una notte a bordo di un peschereccio

Ci siamo imbarcati da Fiumicino sulla San Vincenzo per immortalare il momento in cui le reti vengono issate a bordo. Greenpeace: “L’inquinamento da plastica è una delle minacce più grandi dei nostri tempi”.

Valerio Nicolosi

Otto milioni di tonnellate di plastica in mare, che se fosse messa in fila basterebbe per fare 400 volte il giro della terra. Un mare di plastica composto da imballi monouso, che noi utilizziamo per pochi secondi ma che ci mettono secoli per essere smaltiti, e microplastica che derivano soprattutto da oggetti più grandi che si corrodono.

Foto di Valerio Nicolosi

“L’inquinamento da plastica è una della minacce più grandi dei nostri tempi” commenta Giuseppe Ungherese, Responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace Italia: “La produzione di plastica cresce in modo vertiginoso e le stime più attendibili prevedono che nel 2050 sarà il triplo di quella attuale, dando luogo a una catastrofe di maggiori dimensioni”.

Foto di Valerio Nicolosi

In mare viene ingerita da pesci, iniziando così un lungo percorso all’interno della nostra catena alimentare. Chi con la plastica in mare ci fa i conti tutti i giorni sono i pescatori che trovano sempre più spesso bottiglie o altri oggetti nelle loro reti: “Il problema sono i fiumi, perché la plastica arriva da lì, si ferma sugli scogli e con le mareggiate viene portata a largo” racconta Gennaro Esposito, comandante del peschereccio San Vincenzo, che per una notte e un giorno ci ha ospitato a bordo della sua imbarcazione.

Foto di Valerio Nicolosi

Dalle reti escono fuori tantissime bottiglie, confezioni di salumi o latte di pomodoro. “Ora è bella stagione e non c’è stata una mareggiata, altrimenti avremmo pescato televisioni, lavatrici, scaldabagni. Di tutto” aggiunge Esposito.

Foto di Valerio Nicolosi

Lui e la sua famiglia vivono e lavorano nei pressi di Fiumicino, dove il comune ha organizzato una raccolta della plastica in porto per poi riciclarla. “Dieci anni se avessimo portato la plastica a terra ci avrebbero multato perché inquinavamo”.



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Nel libro di Daniele Napolitano e Giovanni Cozzupoli il racconto fotografico di come una palestra popolare ha cambiato la borgata del Quarticciolo a Roma.

L’ipocrisia di Bruxelles, contraria al muro europeo chiesto da 12 paesi ma favorevole a politiche contro i migranti non meno brutali.

La prima uscita pubblica dopo la sentenza dell’ex sindaco è un grande abbraccio collettivo da parte di centinaia di persone arrivate da tutta Italia.

Altri articoli di Video

Intervista a Carla Peruzzo, coordinatrice sanitaria di MSF in Grecia, a partire dal nuovo campo nell’isola di Samos per “accogliere” i profughi che arrivano dalla Turchia.

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”.

Intervista a Cecilia Strada che si trova a bordo della nave ResQ: “Essere qui e salvare vite è il modo migliore per salutare mio padre”.