Piero Angela, l’uomo che pensava il futuro

A 93 anni compiuti l’ideatore della trasmissione “Quark” non si lamentava, non criticava. Guardava invece avanti, sperava e pensava il futuro.

Rossella Guadagnini

Piero Angelo l’ho sentito un paio di mesi fa, a fine maggio scorso, purtroppo per l’ultima volta. Era per un’intervista sull’apertura del CicapFest 2022, che si è tenuto dal 3 al 5 giugno a Padova (e a Rovigo), dedicato a “La scienza del mondo che verrà”. La manifestazione è organizzata ogni anno dal Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze, il Cicap, nato nel 1989 per iniziativa del grande giornalista e divulgatore che lo ha fondato e ne era presidente onorario.

A 93 anni compiuti l’ideatore della trasmissione “Quark” non si lamentava, non criticava. Guardava invece avanti, sperava e pensava il futuro. Quasi incredibile per un uomo della sua età in questo complesso momento storico. Ma lui era fatto così: positivo, come sempre, e soprattutto propositivo. “Piero era una sorgente continua di progetti, di stimoli, con la voglia mai spenta di fare e di sapere. ‘Quando sono in piedi sono un novantenne, ma quando mi siedo ho quarant’anni di meno’, mi confessava nella sua cucina trasformata in studio. Mi piace ricordarlo così”, afferma Massimo Polidoro amico e compagno di strada, segretario del Cicap.

Ecco le parole augurali, a posteriori profetiche, che mi disse per l’occasione: “Pensando al futuro, non posso non ricordare che il nuovo secolo, che stiamo vivendo, è dei giovani. Nel 2050, un anno che sembra così lontano loro saranno dei giovani 40/50enni. Nel 2090, che sembra lontanissimo, avranno meno dell’età che ho io oggi, Sarà un secolo pieno di cambiamenti e sinceramente mi dispiace di non poter vedere tutto quello che succederà: grandi problemi, certo, ma anche grandi innovazioni e tante opportunità”. Una sfida per tutti noi che lo ricordiamo con affetto.

(credit foto Paolo Attivissimo, CC BY 2.0 via Wikimedia Commons)

In ricordo di Piero Angela: “La scienza può essere pop”



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Rossella Guadagnini

Abbiamo detto di aver preso il più grande latitante di mafia del mondo. E' vero, ma era nascosto da 30 anni dove doveva stare: a casa sua, in Sicilia.

Dal discorso presidenziale intravede in filigrana il pensiero e la disposizione di Mattarella sull'autonomia differenziata.

Preoccupazione per l'Autonomia Differenziata, i sindaci del Sud si rivolgono al Presidente per chiedere più equità.

Altri articoli di Blog

Mentre ci preoccupiamo per l'escalation in Ucraina riusciamo a immaginare che cosa sia vivere come stanno vivendo lì ora?

In questo 2023, dopo 78 anni dalla fine della guerra, ci ritroviamo un pensiero fascista di nuovo normalizzato. Tre riflessioni per la Giornata della Memoria.

Un romanzo ci fa riflettere sulle più insidiose deviazioni dei giorni nostri: l’individualismo, l’apparenza, la mistificazione dell’esteriorità.