Nessuna redenzione per la tragedia greca

In “Pietà e terrore. La tragedia greca” (Einaudi, 2023), Giulio Guidorizzi affronta l'antica arte ellenica e il suo immaginario.

Marilù Oliva

Giulio Guidorizzi è uno dei nostri più autorevoli studiosi del mondo antico. Ha insegnato Letteratura greca e Antropologia del mondo antico nelle Università di Torino e di Milano e, oltre ad aver tradotto opere dal greco, si è occupato ampliamente di mito. Ricordo solo, tra gli altri:  Il mito di Edipo (Einaudi 2004, con M. Bettini) e  la saga degli eroi collegati alla guerra di Troia:  Io, Agamennone. Gli eroi di Omero (Einaudi 2016), Ulisse. L’ultimo degli eroi (Einaudi 2018), Enea, lo straniero. Le origini di Roma (Einaudi 2020).
In Pietà e terrore. La tragedia greca (Einaudi, 2023) affronta la tragedia greca e il suo immaginario. Non solo per quanto concerne le vicende vere e proprie rappresentate, ma anche e soprattutto il loro senso all’interno del sistema del pensiero antico. Un pensiero in cui grande spazio viene lasciato all’irrazionale, alle ambizioni individuali, agli istinti e alle brame. E lo spettacolo che si consuma nel luogo pubblico del teatro diviene ipostasi di un’esistenza cui è impossibile dare spiegazioni. Perché la scelta individuale perde forza di fronte ad altri meccanismi, c’è qualcosa al di sopra di tutto, persino degli dèi: «C’è l’inevitabile, certo, l’onda che ti trascina: i Greci hanno una parola per questo, anánke, “necessità”, il muro di roccia liscia contro il quale ci si deve fermare; non è Provvidenza, non è volontà di Dio. La anánke, la necessità inevitabile e muta, è altra cosa dalla volontà degli dèi».

Nessuna risposta plausibile a questi eventi. Nessun premio, nessun castigo. Nessuna redenzione, quindi, per eroi ed eroine tartassate dalle disgrazie. Perché tutto si svolge inesorabilmente nell’imperscrutabile mondo terreno. Talvolta, come nel caso di Edipo, i protagonisti sono colpevoli-inconsapevoli, altre volte hanno seguito le leggi sacre (Antigone), altre ancora hanno imposto la ragione di stato sugli affetti familiari (Agamennone). Suicidi per orgoglio o per vergogna, assassini per vendetta e faide familiari, infanticidi, matricidi, agguati e altri misfatti che ci lasciano sgomenti. Da tramite tra l’ineluttabile e l’umanità stanno quelle creature sciamaniche preposte a decriptare gli arcani, i segreti e le volontà divine: indovini, vaticinanti, sacerdoti e sacerdotesse. Tiresia, la Pizia e gli altri saltimbanchi dello svolgersi del Fato si affacciano sulla scena con la loro parola carica di presagi nefasti.

Dobbiamo conviverci con le sofferenze ed è inutile cercare una spiegazione: esistono, son parte importante della vita e delle relazioni, gli antichi non scalpitavano per risalire a galla del mistero. Così era. Forse la rappresentazione scenica serviva ad esorcizzare? Forse concedeva un confronto tra le ombre del quotidiano e quelle protese sui personaggi che si inabissavano? Il professor Guidorizzi ha individuato l’essenza profonda di queste opere che hanno attraversato i secoli, mantenendo intatto il loro fascino: «Tragico, in senso greco, non è sperare in una ricompensa né credere che ogni cosa sia orientata da una forza superiore, né sublimare il dolore e neppure cercare di comprenderlo: piuttosto, è riconoscere che non esiste spiegazione per gli eventi umani, ma solo mistero, e che appunto, forse, quando si rinuncia a cercare una spiegazione, allora si comincia a capire».
Attraverso incursioni nella filosofia, nella letteratura russa (ma anche in Pirandello), nella filologia, scopriamo l’essenza potente delle storie tragiche e il loro lascito: la scoperta del mondo interiore. Un mondo fatto di impulsi, emozioni, desideri, rabbie furiose, sconfitte, aneliti che distruggono tutte le impalcature del buonsenso e della ragione, trasformando in poche ore un idillio in un inferno senza scampo. E l’aggancio con la contemporaneità è davanti a noi, scottante ed evidente, come ci manifestano i casi di cronaca e alcune reazioni a catena devastanti che sono già stati narrati, anche solo in parte o in toto, duemila e cinquecento anni fa dal tragico antico.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Marilù Oliva

“Scrivere di donne in Roma antica”, di Graziana Brescia e Mario Lentano, esplora come la cultura maschile dei Romani descriveva le donne.

In “Donne cattive. Cinquant’anni di vita italiana”, Liliana Madeo racconta alcune figure femminili ritenute maledette, negative, diaboliche.

“In Provincia”, di Michele Brambilla, è un breve ma denso viaggio all’interno delle sfaccettature che compongono le identità dell’Italia.

Altri articoli di Blog

Caso Toti: la tutela dell’autonomia della magistratura, e le intercettazioni sono fondamentali per la qualità della nostra democrazia.

In "La polis siamo noi. Un’altra politica è possibile", un gruppo di adolescenti si è confrontato sulla democrazia in un luogo femminista.

“Non rinnegare, non restaurare”: rimanere fascisti adeguandosi ai tempi che corrono. Il mantra dell’azione politica di Giorgia Meloni.