Poco lavoro e a termine: cosa ci dice l’ultimo rapporto Istat

In Italia è necessario aumentare l’occupazione. Si può fare combattendo la precarietà e investendo in formazione, in politiche industriali e in misure di conciliazione famiglia e lavoro.

Marianna Filandri

Pochi giorni fa è stato pubblicato il rapporto sul Benessere Equo e Sostenibile di Istat. Gli indicatori sul lavoro ci raccontano che l’occupazione è aumentata. Un dato positivo certamente, soprattutto considerando l’impatto che ha avuto la pandemia sul mercato del lavoro. Infatti, nei mesi successivi alla diffusione del virus, si è verificata una diminuzione del numero di occupati e disoccupati. Secondo i dati Istat la differenza tra la media dell’occupazione del 2019 e del 2020 è stata di poco più di 700mila persone. A queste si aggiungono circa 230mila disoccupati che hanno smesso di cercare lavoro. Di conseguenza è aumentata notevolmente la parte di popolazione in età da lavoro che si dichiara inattiva. Questo scenario ha subito una inversione di tendenza a partire dalla fine del 2020. Sempre secondo i dati Istat, la perdita dei posti di lavoro rispetto dovuta alla pandemia si è molto ridotta nel corso del 2021 e del 2022, con circa 690mila posti di lavoro in più. La variazione nella disoccupazione a distanza di tre anni è invece meno positiva dato che il numero di quanti cercano lavoro – poco più di 2milioni di persone – è calato come conseguenza della maggiore inattività.

Il miglioramento quantitativo dopo le gravi conseguenze della diffusione del virus, ci riporta in ogni caso allo scenario pre-pandemico. Scenario caratterizzato un tasso di occupazione tra i più bassi di Europa, circa 65% con dieci punti percentuali in meno rispetto alla media europea e ben al di sotto dei cinque stati che superano la soglia del 80%: Paesi Bassi, Svezia, Estonia, Repubblica Ceca e Malta.  Dunque, bisogna aumentare l’occupazione. Come farlo? Necessariamente in molti modi: investimento in formazione, in politiche industriali, in misure di conciliazione famiglia e lavoro. E ancora, a fronte di una notevole domanda di lavoro – secondo i dati Unioncamere entro giugno 2023 sarebbero possibili circa 1,5 milioni di assunzioni – verrebbe da rispondere che una delle soluzioni migliori è investire nell’incontro tra forza lavoro e imprese. Tra tutte le azioni da mettere in campo alcune però sono irrilevanti, se non addirittura negative per una parte coinvolta. Una di queste è l’aumento della flessibilità nell’utilizzo della forza lavoro. Sono infatti molti gli studi concordi nel ritenere inefficace la diffusione dei contratti a tempo determinato nell’aumentare l’occupazione. Al contrario vi sono gravi ripercussioni sia sulle condizioni di vita dei singoli sia sui costi che ricadono sulla collettività. Due esempi su tutti: il posporre le scelte riproduttive e la riduzione dei consumi.
Sarebbe allora auspicabile leggere di misure che intendono intervenire oltre che sulla quantità anche sulla qualità dell’occupazione. Misure che con in un paese con circa 3 milioni di lavoratori a termine – 17% dei dipendenti – sono quantomai urgenti.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Economia

La riforma delle regole è una delusione assoluta. Non è vero che siano più semplici e meno arbitrarie, ricalcano la stessa logica del passato.

Molti adepti delle teorie dominanti vantano l’oggettività della loro disciplina, ma una ricerca li smentisce.

Una risposta all'articolo di Emilio Carnevali sull'introduzione dello studio dell'economia a scuola.