“Non posso salvarmi da sola”: podcast di Valerio Nicolosi

Nel flusso di persone in fuga dalla guerra attraverso il confine con la Romania, Alessia sta per passare la frontiera diretta in Ucraina. Era uscita dal Paese solo pochi giorni fa. Sta tornando indietro. Vuole andare a riprendere la sua famiglia. Katia ha invece deciso di andare via dall'Ucraina. Queste sono le loro storie. Perché è osservando i confini che possiamo analizzare la complessità della guerra.

Valerio Nicolosi

In Polonia ci sono molte persone che stanno cercando di entrare in Ucraina per arruolarsi contro l’esercito russo. L’obiettivo è raggiungere Leopoli. Questo flusso non c’è in Romania, gli unici uomini che si incontrano qui sono quelli che vogliono fuggire e non vogliono imbracciare le armi. In questo esodo ho incontrato Alessia, unica persona che in quel contesto andava “contromano”. Avrà 25 anni. Due borse, due trolley. Cammina con passo svelto verso la frontiera. La inseguo. Supera lo sbarramento dei vigili del fuoco e inizia a camminare nell’ultima parte di Romania prima della frontiera, un piazzale.
Ha deciso di rientrare. Di tornare dalla sua famiglia. Vuole organizzare una seconda evacuazione per i suoi cari. Era riuscita a superare il confine, ma, una volta uscita dall’Ucraina, si è fermata. Stava per partire alla volta della Svezia. Ci ha ripensato. Ha deciso di non andarci da sola. “Ho paura. Ho paura”. Lo ripete più volte. “Ma credo che andrà tutto bene”. Katia invece sta facendo il percorso inverso. Vuole raggiungere la Bulgaria. “Ma voglio tornare a casa il prima possibile”. Il suo stato d’animo è combattuto. Salvarsi rifugiandosi in un Paese dell’Unione Europea pur sapendo che lo zio, di cui è orgogliosa, ha deciso di arruolarsi per difendere l’Ucraina. Paura e orgoglio. Stati d’animo complessi. Chi rimane e si arruola. Chi scappa per salvarsi.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

A distanza di quattro mesi il testo di legge delega non è ancora pubblico. E ActionAid rilancia la campagna del 2019: #sicuriperdavvero.

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Altri articoli di Mondo

Oltre due milioni di manifestanti, annuncia la CGT, mobilitazione contro la riforma in aumento rispetto al 19 gennaio.

Mentre ci preoccupiamo per l'escalation in Ucraina riusciamo a immaginare che cosa sia vivere come stanno vivendo lì ora?

Francia in sciopero, grande mobilitazione in tutto il paese. Raffinerie bloccate, scuole serrate, blackout energetici, trasporti in tilt.