“Voglio continuare a studiare”: podcast di Valerio Nicolosi

Tra le persone in fila alla frontiera tra Ucraina e Polonia c'è Paul: è di un piccolo paese a nord di Kiev, studia all'università di Lublino e ha vinto una borsa di studio per perfezionare il tedesco a Berlino. Questa è la sua storia.

Valerio Nicolosi

La puntata precedente si è fermata su un bus, quello che dalla stazione di Leopoli porta alla frontiera verso la Polonia. L’ultimo treno che avrebbe portato via le persone dall’inferno della guerra era pieno, così decine di persone hanno scelto di non restare a Leopoli, di non attendere un altro giorno lì.
In fila al confine ci sono migliaia di persone. Ed è qui che incontro un ragazzo di venti anni, Paul, nato in un piccolo paese nel nordest dell’Ucraina, a ridosso dei confini russo e bielorusso. Studia all’università di Lublino, in Polonia. Vuole andare a Berlino per perfezionare il tedesco, una delle lingue che studia. Ha con sé i documenti universitari dell’università polacca e dell’Erasmus Plus: spera che bastino per farlo andar via dall’Ucraina.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Visto l'ampio consenso che i paramilitari di estrema destra stanno raccogliendo, è utile ricordare chi sono veramente i "ragazzi" di Azov.

La stazione letteralmente presa d’assalto. È questa la porta per fuggire dall’orrore della guerra che sta distruggendo l’Ucraina.

Altri articoli di Mondo

La guerra in corso è destinata, qualunque ne sia l’esito, a segnare la nascita di una nazione indipendente ed europea.

A 30 anni dall'inizio della guerra, in Bosnia torna a crescere la tensione tra la componente serba e quella bosgnacca.

La guerra tra Russia e Ucraina non minaccia “solo” la sicurezza geopolitica ed energetica ma anche quella alimentare.