La coperta celeste: podcast di Valerio Nicolosi

Chi parte e chi resta. Una madre a Kiev intenta a coprire la propria bambina. Una donna che scende da un bus alla frontiera fra Ucraina e Moldavia. Il senso profondo della guerra non è la geopolitica: sono le piccole storie.

Valerio Nicolosi

“C’è un’immagine che mi è rimasta nella mente e che non sono riuscito a immortalare. È quella di una mamma che esce da uno scantinato di un palazzo con in braccio la figlia di 3-4 anni avvolta in una coperta celeste. E corre. La fermo, le chiede dove sta andando. Mi risponde che vuole andare velocemente a prendere qualcosa da mangiare per sua figlia e poi tornare nel seminterrato, unico luogo in cui si sente al sicuro. Questa immagine”, ci racconta il nostro inviato Valerio Nicolosi in questa nuova puntata del suo podcast, “mi è tornata in mente quando due giorni fa ho visto un’altra donna, che stavolta scendeva da un autobus alla frontiera fra Ucraina e Moldova e risaliva su un altro che l’avrebbe portata per sempre via da quella zona di guerra. Due immagini che mostrano la differenza fra chi parte e chi resta. Se ci concentriamo sugli attacchi, le strategie, i negoziati, la geopolitica”, continua il racconto, “perdiamo di vista il senso profondo della guerra, che è morte, distruzione, paura. Le guerre vanno raccontate attraverso gli occhi di chi la subisce”.
Ed è quello che il nostro inviato fa ormai da diversi giorni, ricordandoci anche che oggi questi profughi sono accolti e troveranno rifugio nei Paesi europei, inclusi quelli che nei mesi scorsi si sono rifiutati di accogliere altri profughi, che scappavano da altre guerre, più lontane ma non per questo meno devastanti.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Voci da Kiev sotto assedio: i podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

A distanza di quattro mesi il testo di legge delega non è ancora pubblico. E ActionAid rilancia la campagna del 2019: #sicuriperdavvero.

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Altri articoli di Mondo

La denuncia di Amnesty International in un nuovo rapporto intitolato “Morte al rallentatore: le donne e le bambine sotto il regime dei talebani”.

Tutti gli approfondimenti su Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, e sul suo caso giudiziario pubblicati su MicroMega.

Per il pacifista e premio Nobel argentino "le Nazioni Unite sono un faro spento che deve tornare ad accendersi: vanno trasformate e democratizzate".