Psicopolitica: facciamo i test attitudinali ai politici

Estendiamo i test attitudinali a tutte le professioni che potrebbero portare attentato ai nostri sacrosanti Diritti & Libertà. Qui, ognuno può riempire l’elenco con i propri nemici personali: io mi astengo, sento già scricchiolare le porte del manicomio. Ma almeno una categoria ce la vorrei proprio mettere: i politici, specie quelli che propongono leggi-manifesto come questa al solo scopo di raccogliere qualche voto in più.

Mauro Barberis

Vi ricordate la bella Destra di una volta, tutta Legge & Ordine? Scordatevela. Ora c’è una destra populista che ha eletto a proprio bersaglio la categoria più invisa ai populisti, beninteso subito dopo i giornalisti: i giudici. In un libretto recente, che sarebbe inelegante citare, ho ricordato che i populisti, arrivati al potere, cercano di sbarazzarsi degli organi di garanzia contro-maggioritari, non eletti direttamente dal popolo, cioè da loro: giornalisti, magistrati, presidente della Repubblica… Ora, guardatevi il programma del governo: occupazione dei telegiornali, così l’informazione è servita; riforma della giustizia, così i giudici imparano; riforma costituzionale, così anche il Presidente incassa e porta a casa.

Se questo piano di demolizione della democrazia andrà in porto, lo vedremo; per ora, occupiamoci dei test. La memoria corre a Berlusconi, quando, condannato in uno dei tanti processi poi prescritti, dichiarò a due giornalisti inglesi, uno dei quali era il futuro leader populista Boris Johnson, che i giudici sono «mentalmente disturbati» e «antropologicamente diversi dal resto della razza umana» (2003). Qui il primo populista italiano (o il secondo, dopo Mussolini) rendeva implicitamente omaggio a Licio Gelli, capo della Loggia P2, il quale già nel 1976 aveva proposto l’introduzione di test psico-attitudinali per i magistrati.

Voi direte: ma chi se ne frega di chi è l’idea, dopotutto anche Berlusconi e Gelli avranno pure fatto cose buone, a cercarle con il lanternino. Ok, allora consideriamo l’idea dei test psico-attitudinali in sé. Come li facciamo, i test? Per ora, l’unica cosa certa è che saranno compiuti da docenti di psicologia (o psichiatria): e qui mi astengo dall’ironia, perché non vorrei che riaprissero i manicomi apposta per me. Il punto è proprio in cosa consisteranno i controlli. Saranno test a crocette, e allora sono buoni tutti, oppure autentiche sedute psicanalitiche, con l’aspirante magistrato sdraiato sul lettino e lo psicanalista che gli chiede di raccontare i suoi traumi infantili?

Gli stessi psicanalisti, anni fa, hanno escluso i test, sperimentati e poi aboliti in Francia, perché mancano criteri oggettivi per valutare se un soggetto è psicologicamente “equilibrato”. A questa obiezione il Ministro della giustizia, Nordio, ha replicato che i test li fanno anche i poliziotti: già, ma questi usano le armi, compresi i manganelli (ops). Giusto per trasformare i problemi in opportunità, però, sviluppiamo il ragionamento del ministro. Dopotutto, perché sottoporre a test solo i giudici? Quante professioni richiedono altrettante doti di equilibrio? Basti pensare ai miei colleghi professori, alcuni dei quali non supererebbero neanche le analisi del sangue.

Questa sì è un’ideona: estendiamo i test attitudinali a tutte le professioni che potrebbero portare attentato ai nostri sacrosanti Diritti & Libertà. Qui, ognuno può riempire l’elenco con i propri nemici personali: io mi astengo, sento già scricchiolare le porte del manicomio. Ma almeno una categoria ce la vorrei proprio mettere: i politici, specie quelli che propongono leggi-manifesto come questa al solo scopo di raccogliere qualche voto in più. Loro sì che possono fare danni, sicché un bel test preliminare non guasterebbe. Voi direte: ma sono gli Eletti del Popolo! Bravi, dimenticavo i loro elettori. Perché, prima di ogni elezione, non fare un bello screening psicoattitudinale di massa, stabilendo una volta per tutte chi è abbastanza equilibrato per votare?



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Mauro Barberis

Mattarella di ritorno a Trieste per continuare un percorso di pace è insediato dalla destra populista e dal presidenzialismo meloniano.

Salvini sul successo elettorale di Putin: ennesima occasione per rivelarci il suo DNA da perfetto populista.

Gli italiani nel Regno Unito rischiano di non poter votare alle elezioni europee, ma questo forse fa comodo a certi populisti.

Altri articoli di Blog

L'attuale conflitto "a pezzi" e le sue ragioni profonde e spesso sottaciute.

Mattarella di ritorno a Trieste per continuare un percorso di pace è insediato dalla destra populista e dal presidenzialismo meloniano.

Sarebbe assai interessante sapere le motivazioni che hanno portato, nei giorni scorsi, la commissione preposta dal Comune di Milano per valutare la collocazione di opere d’arte nello spazio cittadino a negare l’esposizione in una pubblica piazza della statua donata dalle eredi della scultrice Vera Omodeo, morta lo scorso anno. La statua, che rappresenta una  donna...