Brevi questioni per Putin

Una poesia.

Ennio Cavalli

Hai messo in tasca i semi di girasole
recapitati al Cremlino dalle madri di Kiev?
Quando sarai sottoterra
cresceranno fino a somigliarti,
faccia da portiere di notte,
scacchista sul pezzo,
faccia tonda chiusa a chiave.
Hai distrutto in poche mosse
acqua pura e carta igienica
in Ucraina, in ogni anima.
L’uso del buonsenso e del metrò
messi al muro con la luce del giorno,
l’Orco che bussa a colpi di mortaio,
la saga di Ras-Putin,
trancio extra in coda al Covid:
chissà quando tutto questo
uscirà dal cuore dei bambini, di noi tutti?
Cosa cercano i rostri dell’aquila bicipite
e i cingoli dei tuoi insetti metallici?
Cosa diranno non Google, Gogol’
e il Dostoevskij di Delitto e castigo?
Il girone dei tiranni
è un Inferno di pulci nell’orecchio,
un frastuono di sirene e campane,
le campane di tutta la Russia.
La Storia ha scritto in fronte
che i confini sono soldi bucati
e il potere un podio di ghiaccio.
Nasci come scheggia di Muro di Berlino,
fare lo zar col mondo non è un buon piano.

 

Premio Viareggio Poesia nel 2009, Ennio Cavalli ha appena pubblicato la raccolta di versi Amore manifesto (La nave di Teseo, con le note di Dacia Maraini e Pupi Avati) e il romanzo Parabola di un filo d’erba (Castelvecchi editore).

 



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Ennio Cavalli

Una poesia dedicata alla "rivoluzione dei capelli al vento" delle donne iraniane del 2022.

Per Yuriy Kerpatenko ucciso a fucilate a Kherson attraverso la porta di casa. Una poesia inedita di Ennio Cavalli.

“Le guerre si fanno coi morti. / Battaglioni e battaglioni di gente / che prima di morire aveva un domani / la testa sul cuscino / la sveglia sul comodino”. Una poesia inedita di Ennio Cavalli.

Altri articoli di Mondo

Francia in sciopero, grande mobilitazione in tutto il paese. Raffinerie bloccate, scuole serrate, blackout energetici, trasporti in tilt.

Non dobbiamo aspettarci l'appoggio degli Stati occidentali alle lotte delle donne in Iran, afferma Maryam Namazie in questa intervista.

Con la rielezione di Lula il Brasile rientra nello scenario democratico globale: niente potranno i rigurgiti dell’estrema destra.