Invece di mediare Draghi lavora (a sua insaputa) per la guerra

Sì, però - dicono - allora non stai né con Putin né con Zelensky, allora predichi il “né né”. Sì, non sto col russo e nemmeno con l’ucraino.

Angelo Cannatà

Putin è l’aggressore e l’Ucraina l’aggredita. Putin è colpevole della morte dei civili. Putin è un assassino perché non risparmia gli ospedali. Putin è un criminale perché uccide donne e bambini. Putin è un demonio perché vuole il male.

Adesso che ho detto, spero con una certa chiarezza, che cosa penso del presidente russo, mi chiedo se sia possibile parlare anche di Zelensky (senza essere definito filo-putiniano). E del discorso in Parlamento del presidente Draghi.

Il coraggio di Zelensky gli fa onore, va evidenziato, ma non lo rende immune da errori; ha rimproverato Israele, Stati Uniti, Inghilterra… di inviare poche armi, di non volere la No-fly zone. È giusto?

Nel discorso all’Italia è stato più realistico, non ha fatto richieste, ha paragonato Mariupol a Genova, e non ha parlato di No-fly zone. Bene. È un passo avanti, ma restano dubbi sulla sua politica. Sì, però – dicono – allora non stai né con Putin né con Zelensky, allora predichi il “né né”. Sì, non sto col russo e nemmeno con l’ucraino. Ragiono. E vedo gli errori dell’uno e dell’altro; e quello di Draghi ieri – “pronto ad arruolarsi e dare più armi” – posto che sia possibile criticarlo senz’essere scomunicato.

Titola bene il Fatto: “Zelensky fa la colomba e Draghi il Falco”. Non resta, al momento, che la mediazione di Bergoglio che potrebbe incontrare Zelensky e Putin. Non ho grande simpatia, per motivi storico-filosofici, di Santa Romana Chiesa, ma stavolta, è giusto dirlo, Papa Francesco fa il suo mestiere, mentre molti, in primis Draghi, sembrano aver perso la ragione.

Insomma, Putin ha due obiettivi: uno massimo e uno minimo. L’obiettivo massimo è l’annessione dell’Ucraina; quello minimo, la sua neutralità. L’Occidente dice di volere la pace e la mediazione. Siamo sicuri che si medi chiedendo l’ingresso dell’Ucraina in Europa? Mediare significa cedere qualcosa; cosa concediamo a Putin se oltre ad opporci all’annessione dell’Ucraina (giusto) neghiamo anche la sua neutralità? Non m’è sembrata una buona idea quella di Draghi. È possibile dirlo? Sono semplici verità – le critiche a Putin, Zelescky, Draghi – ma siamo in guerra, s’indossa l’elmetto, si diventa irrazionali, ci si arrampica sugli specchi per difendere l’indifendibile: “Non c’è niente di più brutto della ragione quando non è dalla nostra parte”.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Angelo Cannatà

La Resistenza silenziosa dei Internati Militari Italiani che, decidendo di non imbracciare le armi contro gli alleati, hanno scoperto l’antifascismo.

Un film di denuncia che accusa i padroni, ma anche la responsabilità di sindacati e sinistra che ha abbandonato i lavoratori dell’Ilva.

Caso Vannacci: c’è chi ha innalzato le farneticazioni del generale a “idee” e “pensiero”. Poi Salvini lo ha paragonato a Giordano Bruno. Adesso basta.

Altri articoli di Blog

Mattarella di ritorno a Trieste per continuare un percorso di pace è insediato dalla destra populista e dal presidenzialismo meloniano.

Sarebbe assai interessante sapere le motivazioni che hanno portato, nei giorni scorsi, la commissione preposta dal Comune di Milano per valutare la collocazione di opere d’arte nello spazio cittadino a negare l’esposizione in una pubblica piazza della statua donata dalle eredi della scultrice Vera Omodeo, morta lo scorso anno. La statua, che rappresenta una  donna...

Il lavoro di Teresa Antignani è un connubio tra arte e resistenza, che prende forma con il racconto degli scempi e dei conflitti ambientali.