Invece di mediare Draghi lavora (a sua insaputa) per la guerra

Sì, però - dicono - allora non stai né con Putin né con Zelensky, allora predichi il “né né”. Sì, non sto col russo e nemmeno con l’ucraino.

Angelo Cannatà

Putin è l’aggressore e l’Ucraina l’aggredita. Putin è colpevole della morte dei civili. Putin è un assassino perché non risparmia gli ospedali. Putin è un criminale perché uccide donne e bambini. Putin è un demonio perché vuole il male.

Adesso che ho detto, spero con una certa chiarezza, che cosa penso del presidente russo, mi chiedo se sia possibile parlare anche di Zelensky (senza essere definito filo-putiniano). E del discorso in Parlamento del presidente Draghi.

Il coraggio di Zelensky gli fa onore, va evidenziato, ma non lo rende immune da errori; ha rimproverato Israele, Stati Uniti, Inghilterra… di inviare poche armi, di non volere la No-fly zone. È giusto?

Nel discorso all’Italia è stato più realistico, non ha fatto richieste, ha paragonato Mariupol a Genova, e non ha parlato di No-fly zone. Bene. È un passo avanti, ma restano dubbi sulla sua politica. Sì, però – dicono – allora non stai né con Putin né con Zelensky, allora predichi il “né né”. Sì, non sto col russo e nemmeno con l’ucraino. Ragiono. E vedo gli errori dell’uno e dell’altro; e quello di Draghi ieri – “pronto ad arruolarsi e dare più armi” – posto che sia possibile criticarlo senz’essere scomunicato.

Titola bene il Fatto: “Zelensky fa la colomba e Draghi il Falco”. Non resta, al momento, che la mediazione di Bergoglio che potrebbe incontrare Zelensky e Putin. Non ho grande simpatia, per motivi storico-filosofici, di Santa Romana Chiesa, ma stavolta, è giusto dirlo, Papa Francesco fa il suo mestiere, mentre molti, in primis Draghi, sembrano aver perso la ragione.

Insomma, Putin ha due obiettivi: uno massimo e uno minimo. L’obiettivo massimo è l’annessione dell’Ucraina; quello minimo, la sua neutralità. L’Occidente dice di volere la pace e la mediazione. Siamo sicuri che si medi chiedendo l’ingresso dell’Ucraina in Europa? Mediare significa cedere qualcosa; cosa concediamo a Putin se oltre ad opporci all’annessione dell’Ucraina (giusto) neghiamo anche la sua neutralità? Non m’è sembrata una buona idea quella di Draghi. È possibile dirlo? Sono semplici verità – le critiche a Putin, Zelescky, Draghi – ma siamo in guerra, s’indossa l’elmetto, si diventa irrazionali, ci si arrampica sugli specchi per difendere l’indifendibile: “Non c’è niente di più brutto della ragione quando non è dalla nostra parte”.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Angelo Cannatà

Michele Serra scrive l’articolo che avrebbe dovuto scrivere anni fa quando lodava “le magnifiche sorti e progressive” del Pd.

L’attacco di Aldo Grasso a Donatella Di Cesare e lo squadrismo ‘democratico’ contro gli intellettuali non allineati col pensiero dominante.

È ancora possibile scegliere tra la pace e la guerra? Un’intervista immaginaria allo storico tedesco Golo Mann.

Altri articoli di Blog

Finto avventuriero, un genio che attingeva a un cilindro magico inesauribile: Felice Pozzo ricostruisce la biografia di Emilio Salgari.

Nonostante siano di parere contrario cari amici con cui da una vita concordo nelle analisi politiche, proprio non riesco a scorgere dietro Giorgia Meloni l’inquietante siluette fascistissima di Italo Balbo o Roberto Farinacci. Semmai, nei manipoli di Fratelli d’Italia vincitori delle ultime elezioni, vedo soltanto i profili imbarazzanti di invecchiati habitué del generone politico, in...

La sconfitta annunciata del Pd, la vittoria scontata di FdI. Nel mezzo, il ruolo di Calenda, quello dell’agenda Draghi e una campagna elettorale folle.