Qatar: è la fine dell’egemonia calcistica europea e latina?

Il giocattolo del calcio si è ormai definitivamente rotto; una morte annunciata nella penisola arabica, da dove giunge un’overdose di immagini televisive a celebrazione apologetica degli orripilanti Campionati Mondiali Qatar 2022.

Pierfranco Pellizzetti

Davanti alla mia abituale edicola dei giornali incontro un signore di mezz’età che non conosco. Nota che il mio sguardo è caduto sulla testata sportiva che ha appena acquistato e mi dice: “ormai il calcio è in sala di rianimazione”. E tra me e me penso che il giocattolo sia ormai definitivamente rotto; una morte annunciata nella penisola arabica, da dove ci giunge un’overdose di immagini televisive a celebrazione apologetica degli orripilanti Campionati Mondiali Qatar 2022. Il cui primo becchino ha la faccia proterva, da opaco burocrate Cominform, di Gianni Infantino; l’avvocato svizzero con passaporto italiano che presiede dal 2016 la FIFA (supremo board del capitale pallonaro) e persegue l’obiettivo di azzerare ogni presa di posizione degli stadi che possa disturbare l’opprimente cultura repressiva del delirio patriarcale in auge nel Paese ospitante. L’unica preoccupazione del sinedrio calcistico con sede a Zurigo, avido di petroldollari, che pretende di trasformare i giocatori in pupazzi privi di opinioni, tanto meno indignazioni, e l’evento quadriennale, immensa vetrina mondiale, in una lavanderia delle malefatte contro le proprie popolazioni – donne e lavoratori, innanzi tutto – attuate dalle anacronistiche dinastie al potere nella Penisola Arabica. Quella vetrina propagandistica che si sta rivelando lo specchio della paurosa involuzione del gioco con il maggior numero di appassionati a livello planetario e che ha affascinato generazioni, producendo passioni e relative mitologie. L’incessante opera mitopoietica che sta diventando persino fastidiosa in bocca ai suoi celebranti più accreditati; come i commentatori alla ricerca del meraviglioso ad ogni costo tipo Fabrizio Buffa e l’epigono Lele Adani. Quell’Adani che si è notabilizzato nel passaggio da opinionista ruspante e libero (seppure sempre a rischio di finire stritolato dalle digressioni, come Laocoonte dai serpenti) nel talk “Bobo TV” (dove ancora Antonio Cassano resiste a non bersela nel suo stile “pane e salame”) ai salottini del pensiero pensabile di Mamma RAI; in cui ci propina luoghi comuni tra l’apologetico e il consolatorio celebrando il culto di Diego Armando Maradona (il sinistro magico figlio delle bidonville bonaerensi, amico di pusher e di un imbolsito Fidel Castro, che definisce nientemeno “uno degli uomini più influenti del secolo”), ribadendo gerarchie demagogiche (Pelè secondo a Maradona, nonostante i due piedi magici e doti acrobatiche superiori, in quanto avrebbe celebrato i suoi trionfi solo in Brasile. Tesi ridicola per sminuire chi ha vinto tre Rimet in giro per il mondo: Svezia, Cile e Messico. E che ne avrebbe vinto un’altra – inglese – se un bulgaro non lo avesse azzoppato). Una sfrenata passione per i giocatori platensi, che lo fa sbroccare il 26 novembre in trance da indemoniato, al grido “tutti in piedi innanzi al miglior giocatore del mondo”, per un goletto da fuori area dell’argentino da esportazione Messi (il suo meglio lo ha dato nell’habitat protettivo catalano) con una certa complicità del portiere messicano in ritardo, l’anziano Francisco Ochoa (classe 1985).
Lo stesso “migliore sinistro al mondo” che quattro giorni dopo si è fatto parare un rigore dal portiere polacco Wojciock Szczesky. E qui si viene al punto: Leo Messi e l’altra superstar certificata dai palloni dorati Cristiano Ronaldo sono ormai dei sopravvissuti a se stessi e all’età avanzata, ridotti a fenomeni da baraccone per lo spettacolo che va avanti. Ma la messa in scena si rivela oltremodo modesta, senza l’apparizione – Mbappé a parte – di degni successori dei dominanti dello scorso decennio: l’inafferrabile star del Barcellona e il portoghese dalle doti balistiche come non se ne vedevano dal prematuro ritiro di Marco Van Basten, l’uno in villeggiatura al PSG e in procinto di finire nel gerontocomio del calcio USA, l’altro alla ricerca affannosa dell’ultimo ingaggio. Una sterilità da spiegare, che probabilmente dipende dalla trasformazione di un gioco bellissimo in contenitore di spot pubblicitari; nella sua riduzione a meccanismo finanziario/borsistico che ha prosciugato tutto il resto.
Difatti la Germania ha già fatto i bagagli, l’Inghilterra è un fuoco di paglia, la catastrofe belga (che oltre all’ombra di Eden Hasard schierava il migliore centrocampista in circolazione; Kevin De Bryne), dell’Italia quattro volte campione del mondo sappiano le miserie, il pur geniale coach spagnolo Luis Enrique che insiste sul falso nueve senza il Messi dei tempi belli (o David Villa). E il pentacampione Brasile? Intanto perde con il Camerun e si aggrappa a O’ Ney Neymar; un saltimbanco cascatore rispetto a O’Rey Pelè, e dove sono finiti i partner della “Perla Nera”: i Garrincha, i Santos, Didì e Zito più Vavà, poi i Jairziño, Gerson, Rivelino, Tostao, di cui non ci sono tracce tra gli attuali verde-oro?
Tutti macinati dall’attuale tritacarne calcistico. Insomma, la fine del duopolio egemone europeo-latino americano. Imploso. Si salvano solo le new entries calcistiche di Africa e Asia (nonostante molti loro giocatori militino nel vampiresco Barnum europeo). Che l’osceno Qatar si stia rivelando una sorta di Bandung del pallone (come la vecchia conferenza del 1955, che ricercava “una terza via” tra i due blocchi della Guerra Fredda)? Anche oggi fa freddo.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Pierfranco Pellizzetti

In questa puntata “Democrazia Miope” di Jan Zielonka e “La crisi della Modernità” di David Harvey.

Può essere la crisi della democrazia liberale occidentale liquidata a una vaga lotta contro il populismo?

A contendersi la presidenza di Confindustria, Antonio Gozzi ed Edoardo Garrone: un chiavarese e un genovese pronti a portare la grande impresa alla ribalta.

Altri articoli di Blog

Meloni ha chiesto perdono alle vittime delle foibe per il silenzio calato sulla vicenda. Ma non per le responsabilità politiche storiche.

Alzando la testa, Giordano Bruno ci ha insegnato a ribellarci per uscire da ogni sudditanza intellettuale, morale, politica ed economica.

Il post-pandemia da Covid-19 ha azzerato l’interazione umana che una volta facilitava la già arduissima esperienza delle persone con la burocrazia.