La pandemia vista dal vuoto di un museo

Intervista a Stefano Collicelli Cagol, uno dei curatori della Quadriennale d'arte 2020.

Filippo Poltronieri

Mostre ed esposizioni, rimaste aperte nelle finestre di zona gialla, hanno staccato pochissimi biglietti, potendo contare su una “clientela” esclusivamente locale. Anche eventi prestigiosi, come la Quadriennale d’arte 2020, hanno risentito delle perduranti restrizioni che ne hanno frustrato la vocazione internazionale.

Video-reportage | Tra palcoscenici vuoti e musei al buio, la voce dei lavoratori

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Filippo Poltronieri

Nel Lazio ci sono oltre 40mila ettari di terreni agricoli pubblici abbandonati. Alcuni dei progetti di occupazione agricola, nati negli anni '70, portano ancora i loro frutti, con un uso del suolo meno intensivo e l'impiego di persone fragili.

Prosegue la lotta degli operatori di Anpal Servizi per la stabilizzazione dei 400 dipendenti. Perché in Italia ad aiutare i disoccupati a trovare lavoro sono i precari.

I lavoratori della logistica del sindacato Si Cobas sono scesi in piazza di fronte al Ministero dello sviluppo economico per protestare contro la chiusura dei magazzini di Piacenza decisa dalla multinazionale.

Altri articoli di Video

La storia di Emran, giovane afghano che vive a Trieste, dove lavora come mediatore culturale. “Ho perso 42 familiari negli ultimi venti anni”.

Intervista a Cecilia Strada che si trova a bordo della nave ResQ: “Essere qui e salvare vite è il modo migliore per salutare mio padre”.

A bordo di una piccola imbarcazione, accompagnati da un gruppo di attivisti, per mostrare l’inquinamento del fiume della Capitale.