Quel maestro di musica

Per Yuriy Kerpatenko ucciso a fucilate a Kherson attraverso la porta di casa. Una poesia inedita di Ennio Cavalli.

Ennio Cavalli

Allarghi le gambe nei summit
come al decollo negli spazi spilorci di un volo low cost,
lo sguardo da tamburo di latta
e da bambino deciso a far sì che gli altri non crescano.
Cosacchi pupattoli spalancano porte d’oro al Cremlino
girano lentamente la testa di 15°
la inclinano di altrettanto sul busto
per seguire l’inverosimile e vegliarlo.

Il tuo pigiama animato strapazza
uniformi intessute di gradi e fregi
i capi di lusso degli oligarchi factotum
le stole del Patriarca di tutte le Russie
con strascici di mondanità.

Intanto quel maestro di musica a Kherson,
non volendo dirigere marcette per l’esercito di occupazione,
si opponeva impaurito da dietro la porta di casa
senza aprire, se è andata come dicono,
senza sapere che la grancassa di un’esecuzione
malintesa e sommaria
ha per note proiettili che trapassano soglie domestiche
corpi indifesi, la coscienza di chi non cede
alla fusione a freddo degli hater di Stato.

Tra i libri di Ennio Cavalli, Amore manifesto (La nave di Teseo 2022) e Poesie incivili 2004-2017 (Aragno).



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Ennio Cavalli

Questa poesia entra nella polemica suscitata dall'emissione di un francobollo commemorativo per Silvio Berlusconi, a un anno dalla scomparsa.

Nel giorno dei funerali di Aleksej Naval’nyj, una poesia a lui dedicata parte della raccolta “Il silenzio è migliore di me”, la Nave di Teseo.

Una poesia sul conflitto israelo-palestinese e le vittime di Gaza.

Altri articoli di Cultura

“Scrivere di donne in Roma antica”, di Graziana Brescia e Mario Lentano, esplora come la cultura maschile dei Romani descriveva le donne.

"I Dannati" osserva e testimonia la condizione umana e il suo Essere per la morte senza sentimentalismi e con severa semplicità.

“Parthenope” del regista italiano e “The Substance“ della regista francese affrontano il mito della giovinezza mettendo il corpo della donna al centro.