Rabbia, proteste e morti. Cosa sta succedendo in Colombia

Da ormai due settimane le strade di Bogotà, Calì e Medellin sono occupate da manifestanti. Nel mirino le riforme del governo Duque. Il bilancio delle violenze della polizia è di almeno 25 morti e oltre trecento desaparecidos. Intervista a Carolina Torres, giornalista italo-colombiana, che dall'inizio delle proteste sta pubblicando su Instagram una serie di video di denuncia della situazione.

Valerio Nicolosi

La sera del 10 maggio è saltata l’ultima possibilità di trattativa tra il governo di Iván Duque e i promotori del “paro national”, il blocco nazionale, in corso in Colombia da ormai due settimane. Il governo ha incontrato una delegazione dei manifestanti ma ha rifiutato le loro proposte sui temi di lavoro, sanità, pensioni e in generale di sostegno economico alle classi più povere, maggiormente colpite dalla pandemia.

Le proteste sono arrivate dopo la proposta di riforma del sistema di tassazione, ritirato dopo le prime manifestazioni di piazza. Ma la rabbia ormai era esplosa e ora i manifestanti chiedono più equità e non sono disposti a lasciare le strade di Bogotà, Calì e Medellin, nonostante la dura repressione della polizia che conta già più di 25 morti e oltre trecento desaparecidos, persone di cui non si hanno notizie da giorni, come denunciano le organizzazioni non governative colombiane.

“Nei prossimi giorni sarà dura” racconta Carolina Torres, giornalista italo-colombiana, redattrice di Change the Future, che dall’inizio delle proteste sta pubblicando su Instagram una serie di video di denuncia della situazione. “Secondo un rapporto di Human Rights Watch la Colombia è il paese più pericoloso al mondo per chi denuncia le violazioni dei diritti umani e in questi giorni la violenza della polizia si è concentrata anche sui giornalisti” chiosa Carolina Torres.

[FOTO EPA/Luis Eduardo Noriega A.]



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il nuovo accordo supera Dublino. Ma è una vittoria della destra che non vuole accogliere. Vediamo perché.

A poco meno di un anno di distanza dal ritorno dei talebani a Kabul, i corridoi umanitari italiani sono ancora fermi a causa della burocrazia.

Anche se il soccorso in mare è sparito dalle cronache, i migranti continuano a partire dalla Libia. E a morire.

Altri articoli di Mondo

Nella filosofia di Confucio si ritrovano molti principi che consentono al potere di Xi Jinping in Cina di presentarsi come saggio.

Antony Loewenstein racconta come le tecniche di controllo di massa che Israele sperimenta in Palestina siano un modello in tutto il mondo.

Ecuador: preoccupante manifestazione di rinuncia alla diplomazia in favore di una politica di forza che si risolve in atti di autoritarismo.