Sindrome Italia: podcast di Valerio Nicolosi

Il ritorno in Italia avviene da una cittadina romena al confine con la Moldavia. Iași. Qui un reparto psichiatrico dell'ospedale è dedicato alle badanti che hanno lavorato nel nostro Paese.

Valerio Nicolosi

Iași. Ero già stato in passato in questa cittadina romena per raccontare da dove partono le donne per venire a fare le badanti in Italia. Molte di loro, quando fanno ritorno in patria, sono costrette a ricorrere alle cure psichiatriche per quella che, qui, viene chiamata “sindrome Italia”. Un padiglione dell’ospedale è stato adibito appositamente a questo tipo di pazienti. Il ricordo che ho di questo aeroporto è di uno scalo piccolo, con pochi gate. Uno scalo semideserto con la pista a ridosso dell’edificio. Stamattina l’aeroporto è preso d’assalto dagli ucraini che sconfinano in Moldavia. Da questo aeroporto, stamattina, sono partiti solo tre voli. Uno per Bergamo, uno per Verona e uno per Roma.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Voci da Kiev sotto assedio: i podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

A distanza di quattro mesi il testo di legge delega non è ancora pubblico. E ActionAid rilancia la campagna del 2019: #sicuriperdavvero.

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Altri articoli di Mondo

Pressioni turche su Svezia e Finlandia per l’allargamento dell’alleanza atlantica. Ma vendere al despota i suoi oppositori non porterà alla pace.

La road-map dell’Italia: dal cessate il fuoco ai contingenti di pace.

Le analisi e le opinioni sulla crisi pubblicate su MicroMega. In taluni casi molto distanti dalla posizione del direttore Paolo Flores d'Arcais.