Roma, alla scoperta del nuovo “Museo delle periferie”

Intervista al direttore Giorgio de Finis: “Vogliamo approfondire la conoscenza delle metropoli del terzo millennio e immaginare e contribuire a creare una città più equa, partecipata, inclusiva”.

Valerio Nicolosi

Dopo il Maam, Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz, “primo museo abitato del pianeta Terra”, e l’esperienza del Macro Asilo, “museo ospitale e relazionale” che ha messo al centro l’incontro e la collaborazione di persone, saperi e discipline in una logica di costante apertura e partecipazione della città e del pubblico, ecco il “RIF Museo delle periferie”. Location: Roma, quartiere Tor Bella Monaca.

Giorgio de Finis, ideatore e direttore delle tre realtà romane, racconta a MicroMega il progetto che sarà, di fatto, lanciato con il “RIF – Festival delle Periferie”, in programma dal 21 al 23 maggio.

“Il RIF” spiega de Finis “intende accendere un riflettore sul tema delle periferie nell’ambito di un’analisi più ampia del fenomeno urbano su scala globale. L’obiettivo del museo d’arte contemporanea e del suo centro studi multidisciplinare è approfondire la conoscenza delle metropoli del terzo millennio, ma soprattutto immaginare e contribuire a realizzare, per il tramite di pratiche artistiche e relazionali, una città più equa, partecipata, inclusiva: la città di tutti”.

[Video di Valerio Nicolosi / Intervista di Daniele Nalbone]

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Stiamo lavorando per completare il nuovo sito.

MicroMega rimane a disposizione dei titolari di copyright che non fosse riuscita a raggiungere.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il 10 aprile 2001 il Parlamento olandese approvò la prima legge al mondo sul fine vita e il suicidio assistito. Da allora sono passati venti anni e in Italia non ci sono stati passi in avanti.

Commesse milionarie, autostrade, aeroporti, droni. Ecco i veri motivi della visita del premier in Libia.

VIDEOINCHIESTA | A distanza di quasi cinque anni dall'inizio dello sciame sismico che colpì il Centro Italia, un viaggio nelle zone terremotate per raccontare gli effetti del Covid-19 sulla ricostruzione e sulla vita di abitanti e lavoratori.

Altri articoli di Cultura

La pandemia ha sconvolto le nostre vite, ma lamentarsi non serve: va messo in discussione il modello di vita. E la scuola gioca un ruolo centrale.

"In questa Italia non si muove niente e il cinema ne è lo specchio": Silvano Agosti "riapre" l'Azzurro Scipioni per le telecamere di MicroMega.

Contro l'imperante incultura mediatica pseudo-culinaria, la letteratura può aiutarci a ritrovare il profondo legame tra cibo, cucina e società.