Roma, alla scoperta del nuovo “Museo delle periferie”

Intervista al direttore Giorgio de Finis: “Vogliamo approfondire la conoscenza delle metropoli del terzo millennio e immaginare e contribuire a creare una città più equa, partecipata, inclusiva”.

Valerio Nicolosi

Dopo il Maam, Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz, “primo museo abitato del pianeta Terra”, e l’esperienza del Macro Asilo, “museo ospitale e relazionale” che ha messo al centro l’incontro e la collaborazione di persone, saperi e discipline in una logica di costante apertura e partecipazione della città e del pubblico, ecco il “RIF Museo delle periferie”. Location: Roma, quartiere Tor Bella Monaca.

Giorgio de Finis, ideatore e direttore delle tre realtà romane, racconta a MicroMega il progetto che sarà, di fatto, lanciato con il “RIF – Festival delle Periferie”, in programma dal 21 al 23 maggio.

“Il RIF” spiega de Finis “intende accendere un riflettore sul tema delle periferie nell’ambito di un’analisi più ampia del fenomeno urbano su scala globale. L’obiettivo del museo d’arte contemporanea e del suo centro studi multidisciplinare è approfondire la conoscenza delle metropoli del terzo millennio, ma soprattutto immaginare e contribuire a realizzare, per il tramite di pratiche artistiche e relazionali, una città più equa, partecipata, inclusiva: la città di tutti”.

[Video di Valerio Nicolosi / Intervista di Daniele Nalbone]

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Le voci dei giovani che hanno manifestato in piazza a Roma nel giorno della mobilitazione internazionale per il clima.

La vittoria in tribunale non ferma la protesta. Sul tavolo una proposta di legge per vietare le delocalizzazioni alle aziende in attivo.

Intervista a Carla Peruzzo, coordinatrice sanitaria di MSF in Grecia, a partire dal nuovo campo nell’isola di Samos per “accogliere” i profughi che arrivano dalla Turchia.

Altri articoli di Cultura

Se sul burka lo sdegno è quasi unanime, quando si tratta del “semplice” velo si aprono i varchi al distinguo, entrando nel paludoso terreno della “libertà di scelta”.

A Napoli si è gridato allo scandalo manifesti “blasfemi”, segno che la lotta per la libertà di espressione è più che mai necessaria.

Il posto di rilievo che Koons occupa nel sistema dell'arte non ha nulla a che vedere con il merito, ma risponde ad altre logiche, soprattutto commerciali.