Roma, alla scoperta del nuovo “Museo delle periferie”

Intervista al direttore Giorgio de Finis: “Vogliamo approfondire la conoscenza delle metropoli del terzo millennio e immaginare e contribuire a creare una città più equa, partecipata, inclusiva”.

Valerio Nicolosi

Dopo il Maam, Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz, “primo museo abitato del pianeta Terra”, e l’esperienza del Macro Asilo, “museo ospitale e relazionale” che ha messo al centro l’incontro e la collaborazione di persone, saperi e discipline in una logica di costante apertura e partecipazione della città e del pubblico, ecco il “RIF Museo delle periferie”. Location: Roma, quartiere Tor Bella Monaca.

Giorgio de Finis, ideatore e direttore delle tre realtà romane, racconta a MicroMega il progetto che sarà, di fatto, lanciato con il “RIF – Festival delle Periferie”, in programma dal 21 al 23 maggio.

“Il RIF” spiega de Finis “intende accendere un riflettore sul tema delle periferie nell’ambito di un’analisi più ampia del fenomeno urbano su scala globale. L’obiettivo del museo d’arte contemporanea e del suo centro studi multidisciplinare è approfondire la conoscenza delle metropoli del terzo millennio, ma soprattutto immaginare e contribuire a realizzare, per il tramite di pratiche artistiche e relazionali, una città più equa, partecipata, inclusiva: la città di tutti”.

[Video di Valerio Nicolosi / Intervista di Daniele Nalbone]

 

SOSTIENI MICROMEGA

 



Per sostenere MicroMega e abbonarsi alla rivista e a "MicroMega+": www.micromegaedizioni.net

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Ci siamo imbarcati da Fiumicino sulla San Vincenzo guidati dal comandante Gennaro Esposito per immortalare il momento in cui le reti vengono issate a bordo.

Il climatologo spiega le ragioni che hanno spinto associazioni e cittadini a portare in tribunale lo Stato per inadempienza contro la crisi climatica.

Dal blocco delle ONG alla normalizzazione dei rapporti con la Libia. Il governo Draghi è arrivato dove i precedenti non erano arrivati.

Altri articoli di Cultura

Una riflessione sulla lingua a partire dall'incidente accaduto a Roma in occasione della cerimonia di intitolazione di una piazza a Carlo Azeglio Ciampi.

In “Aleksandra Kollontaj. Passione e rivoluzione di una bolscevica” di Annalina Ferrante la storia di una protagonista del movimento femminile.

Secondo appuntamento della serie "Controversie". Discussione tra Cinzia Sciuto, caporedattrice di MicroMega, e Marisa Iannucci, ricercatrice in scienze sociali.