Salvatore Borsellino: “Il Giardino della Memoria in via D’Amelio deve rinascere”

Il fratello del giudice Paolo lancia una petizione su Charge.org. "Mi è nato dentro un sogno, che quello che oggi è soltanto un posteggio di auto possa diventare finalmente un Giardino della Memoria dove le centinaia di persone che ogni giorno vengono davanti a quell’albero, possano sostare in raccoglimento, facendo ritornare quel luogo quello che è e che deve essere, un luogo sacro e non soltanto un posteggio per le auto“.

Rossella Guadagnini

“Mentre nelle stanze del potere si discute sull’intitolazione di un aeroporto milanese a una persona appena defunta e sulla quale sarebbe prima necessario che vengano alla luce almeno delle verità storiche, se non delle risultanze processuali ormai superate dalla morte del suo protagonista, voglio lanciare un appello a tutti i cittadini di buona volontà perché venga posto finalmente rimedio a quel mancato divieto di sosta che, ormai quasi trentuno anni fa, facilitò il compito a chi doveva preparare quell’attentato che spezzò la vita di Paolo e dei cinque agenti della sua scorta”.
Così Salvatore Borsellino, ingegnere e fondatore delle Agende Rosse, ha lanciato una petizione su Chang.org per la realizzazione di un Giardino della Memoria in onore del fratello Paolo in via D’Amelio, luogo della strage del 19 luglio 1992. La petizione è un’iniziativa per combattere lo scempio generato dalla sosta selvaggia in un punto che dovrebbe essere invece uno spazio del ricordo.
Abbonati a MicroMega
“In quel luogo – spiega il fondatore di Agende Rosse – che quell’esplosione aveva trasformato in un inferno, in quella terra bagnata dal sangue mescolato insieme di Paolo dei suoi ragazzi, in quella terra dove erano disseminati i pezzi dei loro corpi smembrati, mia madre ha voluto che fosse piantato un Ulivo, che fece venire apposta da Betlemme, perché quel luogo diventasse un simbolo di pace e di speranza piuttosto che di violenza e di morte. Quell’ulivo oggi è meta del pellegrinaggio delle tante persone che da ogni parte d’Italia e del mondo si recano in quel luogo e si raccolgono in meditazione, ma oggi come allora, la strada è sempre ingombra di macchine che lo circondano e lo soffocano”.
“Ogni mattina, appena accendo il computer, la prima cosa che faccio è collegarmi alla telecamera che dal Castello Utveggio inquadra quell’ulivo e ogni mattina mi si stringe il cuore a vederlo circondato dalle macchine che – anche in sosta selvaggia, al centro della strada, nonostante le strisce che dovrebbero indicare il divieto – riempiono quella strada. E ogni mattina mi torna in mente quel 19 luglio e quel divieto di sosta che allora non c’era e che oggi è come se non ci fosse perché continua a non essere rispettato”. Che fare dunque?
“Mi è nato allora dentro un sogno, che quello che oggi è soltanto un posteggio di auto possa diventare finalmente un Giardino della Memoria dove le centinaia di persone che ogni giorno, a tutte le ore del giorno, vengono davanti a quell’albero, possano sostare in raccoglimento, magari sedendosi a riposare su delle panchine che lo circondino, delle aiuole che lo delimitino, senza doversi districare in mezzo alle auto, facendo ritornare quel luogo quello che è e che deve essere, un luogo sacro e non soltanto un posteggio per le auto”.
“In quel giardino porrebbero essere poi piantati degli altri ulivi che ricordino le altre vittime, gli altri martiri di questa lotta che ha fatto così tante vittime nella nostra città e non solo -prosegue poi Borsellino- Via D’Amelio, oggi come allora, è una strada chiusa, delimitata da quello che una volta era un giardino di limoni e oggi è soprattutto un posteggio e dietro il muro di quel giardino si nascose la mano che azionò quel telecomando che fece scendere l’inferno in terra. Non ci vorrebbe tanto a farlo tornare quello che è e che deve essere, un luogo sacro che ricordi il sacrificio di quelli che oggi chiamano eroi, che chiedono soltanto un po’ di pace”.
E se anche l’iniziativa è “soltanto un sogno adesso” in futuro “se saremo in tanti a sognarlo insieme, se davvero in tanti firmeremo questa petizione, sarà più difficile per chi pensa soltanto ad intitolare aeroporti a chi non merita neanche di avere intitolato un vicolo, ignorare la nostra richiesta e il nostro sogno potrà diventare realtà”.
La raccolta firme sta già riscuotendo un buon successo, tanto che in pochi giorni ha già registrato oltre 90mila sottoscrizioni. >



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Rossella Guadagnini

Rinviata ancora una volta la decisione sul destino di Julian Assange, prigioniero in attesa di processo da 5 anni.

Le manifestazioni studentesche represse a manganellate sono inconcepibili in uno Stato democratico.

Il caso Assange volge a risoluzione? L'Alta Corte di Giustizia britannica è chiamata a decidere sull'istanza di appello contro l'estradizione negli Usa.

Altri articoli di Blog

Sarebbe assai interessante sapere le motivazioni che hanno portato, nei giorni scorsi, la commissione preposta dal Comune di Milano per valutare la collocazione di opere d’arte nello spazio cittadino a negare l’esposizione in una pubblica piazza della statua donata dalle eredi della scultrice Vera Omodeo, morta lo scorso anno. La statua, che rappresenta una  donna...

Il lavoro di Teresa Antignani è un connubio tra arte e resistenza, che prende forma con il racconto degli scempi e dei conflitti ambietali.

Da sempre la propaganda di guerra ricorre all'argomento delle "armi segrete". Che siano vere o immaginate è secondario.