“Salvineide”, l’arte nobile e rara della satira in versi

“Il volume di Carlo Cornaglia, biografia in endecasillabi di Matteo Salvini, è un piccolo capolavoro di irriverenza satirica”. Per gentile concessione dell'editore Aliberti pubblichiamo la prefazione firmata da Andrea Scanzi.

Andrea Scanzi

“Non si appassionerà certo la gente poiché non è per nulla divertente, con il caimano e il fanfaron sghignazzi ma con il verde Capitan t’incazzi”.

Così scrive, in questo libro non meno che prodigioso, Carlo Cornaglia. Ha ragione e torto. Ragione, perché con Salvini in effetti ci si incazza (ma pure con gli altri due, e parecchio). Torto, perché in queste pagine ci si appassiona eccome. Tenere un livello alto per più di 200 pagine, esercitando l’arte nobile e rara della perigliosa satira in versi, è impresa assai improba. Eppure l’autore sembra – anzi no: è – così invidiabilmente naturale e felicemente leggero nel non sbagliar mai nulla. Più che scrivere in versi per un libro intero, sembra quasi prendere un caffè al bar. La naturalezza esibita è quella lì. Beato lui!

Già solo pensare a una biografia in endecasillabi è una pazzia meravigliosa. Se poi scegli come soggetto un tizio che ha detto una cosa giusta (in pubblico almeno) giusto una volta a 20 anni, e per giunta intervistato da Mengacci e dunque non esattamente da Biagi o Montanelli, allora vuol dire che tu – con la follia – vuoi proprio avere un rapporto privilegiato.

Questo libro è un piccolo capolavoro di irriverenza satirica insistita. È come se Cornaglia, sempre col sorriso sulle labbra dell’uomo distinto, prendesse a calci sugli stinchi Salvini dall’inizio alla fine, senza però mai farsi vedere dall’arbitro. E rendendosi pure simpatico ai tifosi di entrambe le tifoserie, perché a ben pensarci quei calcetti ci stanno tutti.

Se fossi Salvini, mi sentirei quasi orgoglioso di essere stato preso per il culo così bene. Ma è anche vero che, se fossi Salvini, questo libro non lo capirei: troppo arguto, troppo intelligente. Troppo ben scritto: schiena dritta e penna vivida, onestà intellettuale e passione civile. Del resto Salvini è uno che continua a dire di amare Fabrizio De André, sebbene al massimo di Faber abbia compreso giusto il “la la la la la la la la” de Il Pescatore.

Voi, invece, il libro lo capirete eccome. E lo amerete. Divertendovi, e incazzandovi, dal primo all’ultimo endecasillabo. Buona lettura.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Politica

Il caso Toti rivela una crescente diffusione di un sistema di potere di natura clanica, che è del tutto incompatibile con la democrazia.

Tra le Ong che salvano le persone migranti e la riuscita delle loro missioni non c'è il mare, ma i decreti dei nostri governi.

L'intervento contro il premierato pronunciato il 14 maggio dalla senatrice a vita Liliana Segre.