Scuola, pandemia e futuro

La scuola pubblica del futuro dovrebbe mettere al centro l’allievo e non relegare ai margini il docente, aumentare gli spazi fisici (aule) e quelli relazionali, vivere meno di carte e più di didattica. E soprattutto superare lo spirito concorrenziale tipico del modello aziendalistico.

Teresa Simeone

Fino a qualche tempo fa ci si interrogava ancora sulla direzione che la scuola avrebbe dovuto prendere: se cioè fosse giusto andare nel senso aziendalistico ormai da tempo avviato dalla stagione riformista, iniziata già nel 1997, che avrebbe dovuto adeguare il nostro sistema scolastico alle direttive europee, finalizzare l’istruzione all’inserimento nel mondo del lavoro, piegandola alle richieste del mercato oppure in quello di una scuola libera da qualsiasi condizionamento, incentrata sulla cultura e sui saperi, indipendente da necessità professionalizzanti.

Oggi anche questa domanda, la cui risposta diventerebbe orientante per riforme e revisioni programmatiche, appare anacronistica e fuori contesto. La scuola, infatti, nel frattempo, ha preso, senza soffermarsi troppo sulla questione, la prima direzione, rendendola di fatto operante sia nella terminologia (dirigente, figure di sistema, razionalizzazione e rendicontazione dei risultati) sia nella prassi, con la chiusura di molti istituti non “necessari”, con il ricatto dell’accorpamento laddove non ci fosse un numero congruo di iscrizioni, con la corsa alla competizione tra istituti la cui Offerta Formativa non si ponesse come attrattiva ed efficace nel reperire studenti, con la concorrenza a “fare utili” al pari di un’impresa che cercasse di restare aperta.

Era inevitabile che questo scatenasse una rivalità tra istituti che, invece di perseguire fini autonomi, sono stati costretti a guardare piuttosto ai fini eteronomi, esterni alla propria natura, schiacciando la propria identità sui primati altrui e accettando la logica agonistica di progetti unici ed esclusivi, gare, olimpiadi varie, utili per l’inserimento tra le top ten degli istituti del territorio. La formazione, allora, ha perso di fatto l’autonomia, altro che realizzarla!, e i docenti, oberati dalle mille occupazioni giornaliere, confusi tra POF, PTOF, RAV, PDP, PNSD, BYOD e chi più ne ha più ne metta, si sono trovati nell’affanno di eseguire diligentemente i compiti richiesti, pena la perdita di autorevolezza e dunque di iscrizioni e dunque di posti di lavoro, spesso attenendosi, da perfetti funzionari, alle disposizioni le più disparate che calavano dall’alto senza che potessero opporvisi, tranne che per qualche decisione ininfluente lasciata loro.
[Per continuare a leggere abbonati a MicroMega+]



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Teresa Simeone

I social danno la percezione che si possa esercitare la cittadinanza in modo diretto, ma non è così. La nostra è una Repubblica rappresentativa.

Davvero dobbiamo dimenticare ciò che tre anni di pandemia, di emergenza, di sacrificio delle libertà ci hanno lasciato?

A pochi giorni dal 2023, il mondo è costretto ad ascoltare notizie anacronistiche di manifestanti condannati a morte in processi farsa.

Altri articoli di MicroMega+

Con contributi di: Tano D'Amico, Giovanni Carbone, Camilla De Fazio, Carlo Alberto Pinelli, Lorenzo di Stasi, Michele Calamaio.

Iniziamo con un omaggio all’amico e scrittore che ci ha lasciati ad aprile di quest’anno. Su MicroMega 1/2022, un volume interamente dedicato agli Usa e alla fine del secolo americano, Valerio Evangelisti analizza la “Metamorfosi della lotta di classe”. A fronte dei miseri salari offerti dal padronato e dell’incapacità dei sindacati di rappresentare i loro...

Da Rita Levi-Montalcini a Giorgio Strehler, Fulvio Papi, Louis Pasteur, Harry S. Truman. E una recensione al libro di Christian Raimo.