Se Ipazia viaggia su un asteroide

Nel libro “Ipazia e la musica dei pianeti” di Roberta Torre l’incontro tra l’astronauta Camilla, nostra contemporanea, e la scienziata Ipazia. Una lettura suggestiva che istiga al dubbio.

Marilù Oliva

Un lavoro a quattro mani, “Ipazia e la musica dei pianeti”, uscito per rueBallu edizioni e ristampato più volte: autrice è la milanese Roberta Torre, regista di cinema e teatro, drammaturga e artista visuale, illustratrice è Pia Valentinis, nata a Udine ma trapiantata a Cagliari, vincitrice del Premio Andersen nella categoria Miglior illustratore e del Super premio Andersen.

Filosofa neoplatonica, matematica, astronoma e studiosa vissuta ad Alessandria d’Egitto nella seconda metà del IV secolo, Ipazia fu una di quelle donne spartiacque considerate pericolose (e fastidiose) dal potere costituito e per questo, come tutti sappiamo, morì di morte violenta:

«A uccidermi sono state le persone. Parabolani li chiamavano, dei monaci del deserto, guerrieri, pronti a uccidere per Dio, o meglio per quello che altri uomini più furbi indicavano loro circa il volere di Dio. Che una donna non fosse degna di insegnare, di parlare, di pensare. Sono stati loro a uccidermi, in una notte buia come questa, ma non è importante che siano stati loro. Potrebbero essere stati altri, umani che non sapevano cosa stavano facendo. Cattivi? Malvagi? Può darsi. Molti umani sono inconsapevoli e dunque infelici».

Questo libro che su alcuni scaffali è incasellato nella categoria “letteratura per bambini”, è in realtà rivolto a tutti, perché racconta in una maniera suggestiva e piena di delicatezza una delle storie più truci dell’età del Tardoantico. L’escamotage è annullare gli ostacoli spazio-temporali e l’idea geniale della Torre è far incontrare su un asteroide, avvolte dal mistero dello spazio, l’astronauta Camilla, nostra contemporanea, e la scienziata Ipazia.

Se all’inizio le due si avvicinano quasi con circospezione, un po’ alla volta si raccontano e si consegnano una all’altra. Ipazia narra del suo giardino d’infanzia, degli studi, del fratello, del padre insegnante di astronomia, del suo amore per le stelle, della sua prima lezione, dell’allievo prediletto e di molti altri tasselli di una vita eccezionale. Camilla la stuzzica con le sue domande e le insegna la musica rock, senza immaginare che anche la musica riservi una sorpresa.

Le dimensioni si compenetrano, Camilla plana a volo d’uccello tra i meandri affollati di Alessandria, del suo porto, del suo mercato e scopre una città multietnica, dove convergono molte religioni, eppure prevale la loro parte più guasta:

«Camilla, bisogna faticare per stare in equilibrio. E negli ultimi tempi nessuno lottava più per mantenerlo, cristiani, ebrei, pagani si scontravano tra loro per chi avesse ragione e io pensavo: Come faranno a essere così sicuri delle loro idee?»

Un libro – rilegato con cura, col suo segnalibro, l’elastico, stampato su carta naturale, col titolo in rielievo – in cui si presta attenzione a ogni dettaglio e le illustrazioni danno una piacevole sensazione di infinito, sia che si tratti di un’immagine “della consistenza della nebbia o dello zucchero a velo”, sia che venga ritratta una donna evanescente striata nel rosso, sia che si improvvisi una danza liberatoria. Una lettura che istiga al dubbio e a protendersi verso le stelle e, quindi, può solo far bene.

 

(credit foto ANSA / ALESSANDRO DI MARCO)



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Marilù Oliva

“Scrivere di donne in Roma antica”, di Graziana Brescia e Mario Lentano, esplora come la cultura maschile dei Romani descriveva le donne.

In “Donne cattive. Cinquant’anni di vita italiana”, Liliana Madeo racconta alcune figure femminili ritenute maledette, negative, diaboliche.

“In Provincia”, di Michele Brambilla, è un breve ma denso viaggio all’interno delle sfaccettature che compongono le identità dell’Italia.

Altri articoli di Blog

Caso Toti: la tutela dell’autonomia della magistratura, e le intercettazioni sono fondamentali per la qualità della nostra democrazia.

In "La polis siamo noi. Un’altra politica è possibile", un gruppo di adolescenti si è confrontato sulla democrazia in un luogo femminista.

“Non rinnegare, non restaurare”: rimanere fascisti adeguandosi ai tempi che corrono. Il mantra dell’azione politica di Giorgia Meloni.