Diritti sotto sfratto: la storia di Luana

Il primo sfratto eseguito dopo lo sblocco del Governo mette un punto sulla questione abitativa: si possono sfrattare persone senza lavoro e con minori a carico. Prima viene la tutela della proprietà privata e poi quella delle persone.

Valerio Nicolosi

Con la nuova ondata di contagi si torna a parlare di possibili chiusure mirate e delle quarantena per chi è entrato in contatto con persone positive. Ma la quarantena tra le mura di casa non è evidentemente un diritto per tutti, e nel 2022 potrebbe non esserlo per centocinquantamila famiglie in più, tanti sono il numero degli sfratti che dal 1° gennaio 2022 tornano esecutivi dopo il blocco arrivato nel 2020 per la pandemia.

Le stime sono dei sindacati degli inquilini che stanno seguendo le famiglie in difficoltà, chiedendo alle istituzioni di prossimità di accompagnare le persone in percorsi che le rendano autonome economicamente. Come nel caso di Luana e delle sue due figlie minorenni, che ha subito il primo sfratto ordinato dal Tribunale di Civitavecchia dopo lo sblocco da parte del governo.

“Avevo un lavoro in una società di food service ma con la pandemia non me lo hanno rinnovato e dal 1° maggio 2020 sono rimasta senza. Ho vissuto con la Naspi fin quando ho potuto, ho pagato le bollette ma ho fatto una scelta, quella della mia sopravvivenza. L’affitto non potevo pagarlo” racconta la signora Luana poche ore prima dello sfratto esecutivo.

Per lei il sindacato Unione Inquilini ha chiesto l’intervento del Comune di Fiumicino, quello di residenza di Luana, ma al momento l’aiuto si concretizza nel pagamento della caparra e di un mese di affitto per una nuova casa. “Hanno spostato il problema di qualche mese” dichiara Emanuele Isopo, segretaria della provincia di Roma del sindacato, che aggiunge: “Abbiamo chiesto il parere della Commissione dell’ONU per la violazione dei diritti, perché la casa è un diritto, e anche loro hanno chiesto di sospendere lo sfratto in attesa di una soluzione più stabile”. Nonostante questo, lo sfratto è avvenuto.

 



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Il nuovo accordo supera Dublino. Ma è una vittoria della destra che non vuole accogliere. Vediamo perché.

A poco meno di un anno di distanza dal ritorno dei talebani a Kabul, i corridoi umanitari italiani sono ancora fermi a causa della burocrazia.

Anche se il soccorso in mare è sparito dalle cronache, i migranti continuano a partire dalla Libia. E a morire.

Altri articoli di Video

Il video del confronto fra il direttore di MicroMega Paolo Flores d’Arcais e quello di Radio Popolare Alessandro Gilioli.

L'ex procuratore di Palermo: “Il governo Meloni si regge sui voti di un partito il cui leader ha mantenuto rapporti pluriennali coi mafiosi”.

Mutuo supporto, solidarietà e saperi condivisi: questo quanto emerge dal progetto di ricerca “La Pienezza del Vuoto”.