La solidarietà di Flores d’Arcais a Damilano che si è dimesso da direttore dell’Espresso

Il messaggio di solidarietà del direttore di MicroMega a Marco Damilano, dimessosi dopo la conferma che la testata sarebbe stata venduta.

Paolo Flores d'Arcais

Marco Damilano si è dimesso da direttore dell’Espresso dopo la conferma dell’editore (GEDI, famiglia Elkann-Agnelli) che la testata, con “una decisione che ritengo scellerata” (così Damilano nel suo congedo ai lettori), sarebbe stata venduta. Il direttore di MicroMega, Paolo Flores d’Arcais, ha inviato all’ex direttore dell’Espresso il seguente messaggio:

Caro Marco, tutta la solidarietà mia personale e di MicroMega a te e a tutti i colleghi dell’Espresso, per quella che è una vera e propria soppressione di una gloriosa testata, anzi peggio, visto che un proprietario dai (dis)valori completamente differenti potrà fregiarsene e sfregiarla. Nella quale ho avuto l’onore di fare le mie prime prove di giornalismo, nel 1976, quando direttore era Livio Zanetti, con un lungo articolo che Livio intitolò “il piccolo sinistrese illustrato”, neologismo entrato presto nei dizionari (e di cui “politichese” fu un calco).

Del resto, la soppressione dell’Espresso non ti avrà stupito, il prodromo inequivocabile delle intenzioni di Elkann e Molinari era stata, poco più di un anno fa, la chiusura di MicroMega.

Va da sé che fin da oggi le pagine web di MicroMega sono pronte ad ospitarti, nella più totale libertà e autonomia delle tue opinioni, tanto più che mai come in questi giorni, tragici, è necessario il moltiplicarsi, anziché il soffocamento, di voci democratiche del pluralismo giornalistico.

Un abbraccio

Paolo

Credit foto: ANSA © Matteo Nardone/Pacific Press via ZUMA Wire



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Paolo Flores d'Arcais

Il caso Scurati conferma l’irrefrenabile pulsione di Meloni a voler tappare la bocca di ogni voce scomoda.

Dall'Msi ad Almirante, per Giorgia Meloni non sarà cosa facile dimostrare che nessun sentimento neonazista alberga nella sua anima.

Questo è l'anno della resa dei conti tra coloro che minacciano la tenuta della democrazia e coloro che credono in spiragli di resistenza.

Altri articoli di Cultura

Su Suonerie: “The Carnegie Hall Concert”, "Un disco di compleanno, il 66° di Paul Weller", "Mäilkki Susanna, la direzione al femminile

Il poema omerico rivisitato in chiave femminile, con la guerra narrata dalle dee.

In questa puntata di "Mappe del nuovo mondo": "La preda e altri racconti" di Mahasweta Devi e "I figli della mezzanotte" di Salman Rushdie.