Divisi dalla propaganda: la storia di Sofia

In questa nuova puntata del podcast "Fuga dall'Ucraina", Valerio Nicolosi ci racconta la storia di una donna ucraina "russofona", nata a Sebastopoli, in Crimea, in fuga dall'assedio di Putin.

Valerio Nicolosi

In questa nuova puntata del podcast “Fuga dall’Ucraina“, Valerio Nicolosi ci racconta la storia di una donna ucraina “russofona”, nata a Sebastopoli, in Crimea. Al momento dell’annessione della Crimea alla Russia, nel 2014, ha deciso di andare via. Eppure, secondo Putin, lei sarebbe una di quelle donne da “difendere” dal sentimento antirusso degli ucraini.
Lei e suo marito si sono spostati verso nord per aprire un’azienda agricola, oggi abbandonata. Quando la incontriamo è impegnata a caricare il pick-up con il quale lavorava fino a qualche giorno fa. Ci sono valige, zaini, buste e diverse taniche di benzina. Questo è il racconto della sua fuga.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Visto l'ampio consenso che i paramilitari di estrema destra stanno raccogliendo, è utile ricordare chi sono veramente i "ragazzi" di Azov.

Altri articoli di Mondo

La Francia torna al voto per le legislative. Che possibilità ci sono per l’Unione delle sinistre di imporre a Macron una coabitazione con Mélenchon?

Alessia De Luca, analista dell’Ispi, spiega le ragioni che hanno condotto i due Paesi scandinavi a rompere una lunga tradizione di neutralità.

La criminalizzazione del dissenso è un’arma fondamentale con cui Putin sembra riuscire a rendere invisibili le proteste contro la guerra.