Divisi dalla propaganda: la storia di Sofia

In questa nuova puntata del podcast "Fuga dall'Ucraina", Valerio Nicolosi ci racconta la storia di una donna ucraina "russofona", nata a Sebastopoli, in Crimea, in fuga dall'assedio di Putin.

Valerio Nicolosi

In questa nuova puntata del podcast “Fuga dall’Ucraina“, Valerio Nicolosi ci racconta la storia di una donna ucraina “russofona”, nata a Sebastopoli, in Crimea. Al momento dell’annessione della Crimea alla Russia, nel 2014, ha deciso di andare via. Eppure, secondo Putin, lei sarebbe una di quelle donne da “difendere” dal sentimento antirusso degli ucraini.
Lei e suo marito si sono spostati verso nord per aprire un’azienda agricola, oggi abbandonata. Quando la incontriamo è impegnata a caricare il pick-up con il quale lavorava fino a qualche giorno fa. Ci sono valige, zaini, buste e diverse taniche di benzina. Questo è il racconto della sua fuga.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

A distanza di quattro mesi il testo di legge delega non è ancora pubblico. E ActionAid rilancia la campagna del 2019: #sicuriperdavvero.

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Altri articoli di Mondo

Gli indipendentisti della Nuova Caledonia accusano la Francia di voler fomentare una forma subdola di re-colonizzazione nell'arcipelago.

I Paesi occidentali non dovrebbero delegittimare la richiesta della Corte penale internazionale, ma difendere la sua indipendenza.

Un ritratto del premier slovacco Fico, vittima di un'aggressione a poche settimane dalle elezioni europee.