Storie di una Resistenza silenziosa

Giuseppe Marazzita era un IMI (Internati Militari Italiani), uno di quei soldati che scelse di dire no alla Repubblica di Salò e al servizio militare per la Germania nazista. Una Resistenza silenziosa, portata avanti da giovani che, decidendo di non imbracciare le armi contro gli alleati, hanno scoperto l’antifascismo. Questa storia è raccontata in maniera lucida e commovente in “ll coraggio dei tre no”, di Nicola Marazzita, il figlio di Giuseppe.

Angelo Cannatà

Dopo giorni e notti di viaggio ecco Rosarno, ancora 12 chilometri ed è casa. La strada è lunga, polverosa, e per giungere a Galatro Giuseppe taglia per sentieri di campagna. Arriva. “Gli alberi d’ulivo, con le foglie d’argento cullate dal vento, sembrano salutarlo col fruscio”, i familiari impazziscono di gioia. Da dove viene? Nola, Bolzano, Vienna, eccetera, un’odissea. In realtà viene dal lager XVII A, di Kaisersteinbruch (Austria), ed è il protagonista insieme ad altri di una resistenza silenziosa e dimenticata. È uno degli Internati Militari Italiani (IMI) ritornati a casa dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.
A raccontare questa storia di dolore e resistenza è il figlio (Nicola Marazzita, Il coraggio dei tre no, ANEI), che l’ascoltò dal padre, una sera, quando – “mescolando cibo ed emozioni” – disse l’angoscia che si portava dentro. È che gli italiani prigionieri dei nazisti, dopo l’8 settembre, dissero dei “no” e furono trattati come traditori; poi, tornati in Patria, vennero umiliati come collaboratori dei tedeschi. Terribile destino.
La storia di Giuseppe Marazzita era iniziata bene col suo arrivo a Nola. Idealista e patriota, vide nella caserma “l’abbraccio caloroso di solidarietà tra compagni”. Poi tutto mutò: l’eccidio di Nola, la crudeltà dei tedeschi, la decimazione. “Fu allora che comprese come gli ideali di guerra instillati in caserma fossero fonte di dolore e morte” (p. 18). Approdò al realismo. Ma come disse Kafka, “la realtà, a volte, è così tragica da sembrare irreale”. Giuseppe e i suoi compagni lo sperimentarono presto: catturati e ammassati sui treni merci, “trattati come bestie”. Poi il lager, le baracche, l’orrore quotidiano, la fame, il freddo, la malattia. “Una non-vita, una non-morte: un’agonia” (p. 31).
Ma gli IMI seppero dire dei coraggiosi “no”: rifiuto di combattere per i tedeschi; e rifiuto di aderire alla Repubblica di Salò. “Un atto di Resistenza” (p. 23). Ecco il punto: resistenza non fu solo quella del partigiano che combatté in montagna, ma anche quella del prigioniero di guerra che rifiutò di sparare sugli Alleati anglo-americani. Non fu facile. Nessuno sapeva ancora come sarebbe finita la guerra, e la proposta di aderire alla RSI era (nelle condizioni date) una terribile tentazione. Mi sembra di vederlo il prigioniero di guerra Marazzita, N. 136920. Sporco, lacero, distrutto, affamato, mentre nel lager legge un volantino: “Vuoi abbracciare tua madre? Vuoi tornare alla tua famiglia? È facile. Aderisci alla Repubblica Sociale di Salò” (p. 34). Ecco: provate a essere nell’inferno, a soffrire come dannati, a desiderare il calore della famiglia. Provate a immaginarlo e capirete cosa significò rispondere “no” all’idea di tornare a casa. Oltre alla violenza fisica, quella psicologica. Ma il prigioniero N. 136920 seppe resistere. Un atto eroico e politico. Derivante, certo, dalla tradizione socialista di famiglia. Fu apprezzato? No. Finita la guerra, solo indifferenza. E a tratti il disprezzo: gli IMI sono stati collaborazionisti. È che gli operai tedeschi erano in guerra, e Hitler impose il lavoro coatto in fabbrica ai prigionieri italiani, “per sostituire la manodopera mancante” (54).
Questo era definito collaborazionismo. Gli IMI avevano orgoglio da vendere. E forse fu proprio questo che percepì Herta, la ragazza che Giuseppe incontrò e di cui si innamorò a Vienna. La ragazza “dagli occhi vivaci, quasi felini”, che vedeva sul cancelletto di casa, ogni giorno, andando al lavoro. Incontri, fotografie, pranzi a casa di lei. Herta, un amore in tempo di guerra. Poi la vita prese altri percorsi (pp. 61-68). Certo è che negli anni di prigionia gli IMI non tradirono la patria. Non furono codardi. E scoprirono l’antifascismo. Ha ragione l’autore del libro: mentre guardavo in TV una storia di guerra insieme a mio padre – dice – compresi che la sua vita “era molto più avvincente di qualsiasi film” (p. 44).
Ma la storia di Giuseppe, e di tutti gli IMI, venne negata per decenni. E negati furono a molti i diritti, la concessione (finanche) del sussidio ai reduci (p. 98). Poi arrivò Azeglio Ciampi, un Presidente illuminato, e riconobbe l’eroica Resistenza dei prigionieri italiani nei campi tedeschi (pp. 103-113). Dopo di lui si accodarono altri. Poi tutti, e arrivarono i riconoscimenti. Le medaglie. Ma Giuseppe Marazzita non c’era più, ci aveva lasciati nel ‘76. Era stanco. “Nelle rughe del suo viso c’era la mappa di un viaggio attraverso gli anni” che Nicola conobbe dai racconti, e noi oggi dal suo libro. Difficile dimenticarlo. Un testo lucido e commovente. Leggerlo è stata un’emozione.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Angelo Cannatà

Un film di denuncia che accusa i padroni, ma anche la responsabilità di sindacati e sinistra che ha abbandonato i lavoratori dell’Ilva.

Caso Vannacci: c’è chi ha innalzato le farneticazioni del generale a “idee” e “pensiero”. Poi Salvini lo ha paragonato a Giordano Bruno. Adesso basta.

Il libro di Padellaro è davvero godibile. Qui il giornalista cede il posto allo scrittore: riflessione, stile e ironia.

Altri articoli di Cultura

In questa puntata di "Mappe del nuovo mondo": "La preda e altri racconti" di Mahasweta Devi e "I figli della mezzanotte" di Salman Rushdie.

“Dalla stessa parte mi troverai”, di Valentina Mira, stana il fascismo eterno della destra di governo mascherato dalle vesti istituzionali.

Nella filosofia di Confucio si ritrovano molti principi che consentono al potere di Xi Jinping in Cina di presentarsi come saggio.