Stupri e femminicidi di Hamas il 7 ottobre 2023: un appello femminista

In seguito agli stupri e alle brutali violenze commesse dai miliziani di Hamas il 7 ottobre a danno delle donne israeliane, un gruppo di donne appartenenti all’Osservatorio Interreligioso sulle Violenze contro le Donne (O.I.V.D) si è unita all’appello del quotidiano francese Libération per riconoscere e definire tali atti come “femminicidi di guerra”.

Monica Lanfranco

Quelle che seguono sono parole e descrizioni dalle quali scaturiscono immagini terribili. Sono state scritte e divulgate dal quotidiano Libération a metà novembre e rilanciate in Italia il 21 novembre su HuffPost Italia (huffingtonpost.it): “Su iniziativa dell’associazione Paroles de femmes, lanciamo un appello alle femministe e ai sostenitori della nostra causa affinché sia riconosciuto il femminicidio nei massacri di donne perpetrati il 7 ottobre in Israele. Molti civili sono morti, ma le donne non sono state uccise nello stesso modo degli altri. Le violenze commesse contro queste donne corrispondono in tutto e per tutto alla definizione di femminicidio, ossia l’omicidio di donne o ragazze a causa del loro sesso. Queste donne sono state fatte sfilare nude, sono state violentate fino a rompere il loro bacino. Anche i loro cadaveri sono stati violentati. I loro genitali sono stati sfibrati. Hanno urinato sulle loro spoglie. Alcune sono state decapitate, altre smembrate e bruciate. Altre sono state prese in ostaggio. Tutto questo è stato filmato e fotografato per incutere terrore. I video degli interrogatori dei terroristi lo confermano: “Volevamo violentarle per degradarle”. Le donne in ostaggio sono state addirittura suddivise: le più belle sono state portate via e le altre uccise. Anche le donne disabili sono state violentate e uccise, come Noya, autistica, e Ruth, con disabilità multiple”.
In Italia un gruppo di donne appartenenti all’associazione Osservatorio Interreligioso sulle Violenze contro le Donne (O.I.V.D.) ha rilanciato l’appello delle femministe francesi facendo anche una proposta: aggiungere alla categoria “stupro di guerra”, quello di “femminicidio di guerra”.
“Crediamo sia giusto, nel rispetto di tutte ma anche della nostra coscienza femminista, -affermano le donne di OIVD, – non lasciare sole le donne ebree nella denuncia del massacro”. E aggiungono: “Le associazioni femminili e femministe, in Italia in massima parte, hanno taciuto; non così in altri Paesi. Di fronte a questi eventi non c’è stata la mobilitazione che ci si sarebbe potuto aspettare: anche per noi femministe è difficile sottrarsi alla polarizzazione delle posizioni politiche soprattutto nel contesto di questo conflitto che da quando siamo nate accompagna i nostri giorni, ma il nostro Osservatorio non può e non deve perdere di vista il modo in cui al centro di ogni guerra i massacri contro le donne giocano un ruolo centrale per il valore simbolico che i loro corpi rappresentano. Ancora una volta nell’azione terroristica del 7 novembre in Israele questo dato di fatto è emerso con tutta la crudeltà che da sempre accompagna questi gesti (Repubblica Centrafricana, Sud Sudan, Etiopia, Ucraina per citare solo alcuni dei numerosissimi esempi) dobbiamo denunciarlo con forza e vogliamo chiedere, associandoci all’appello di Libération, che accanto alla categoria ‘stupri di guerra’ venga introdotta quella di ‘femminicidi di guerra’ riconosciuta come crimine contro l’umanità”.
CREDITI FOTO: ANSA / VALDRIN XHEMAJ



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Monica Lanfranco

“L’aborto non è mai giusto, nemmeno in caso di stupro”. In un convegno alla Camera l'ennesimo attacco alle donne e alla legge 194.

La normalizzazione dell’aggettivo “maschile” quando si parla di violenza sulle donne è ancora lontana. Meno minuti di silenzio e più aggettivi scomodi.

“Lidia” è una graphic novel di Valentina Stecchi sul pensiero della grande femminista Lidia Menapace.

Altri articoli di Blog

Meloni ha chiesto perdono alle vittime delle foibe per il silenzio calato sulla vicenda. Ma non per le responsabilità politiche storiche.

Alzando la testa, Giordano Bruno ci ha insegnato a ribellarci per uscire da ogni sudditanza intellettuale, morale, politica ed economica.

Il post-pandemia da Covid-19 ha azzerato l’interazione umana che una volta facilitava la già arduissima esperienza delle persone con la burocrazia.