“Terrorizzare l’opposizione”: la nuova ricerca di Amnesty sul regime di Putin

Amnesty International pubblica una nuova ricerca, intitolata “Terrorizzare l’opposizione”, che testimonia l’utilizzo delle leggi anti terrorismo e anti estremismo a danno dei dissidenti nella Russia di Putin.

Amnesty International Italia

In una nuova ricerca, Amnesty International ha denunciato una preoccupante escalation dell’utilizzo delle leggi anti-terrorismo e anti-estremismo in Russia, intensificatasi dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina a febbraio 2022.
La ricerca, intitolata “Terrorizzare l’opposizione”, testimonia come le autorità russe stiano sempre più prendendo di mira dissidenti e manifestanti pacifici col pretesto della “sicurezza nazionale”.
“Quello che stiamo notando oggi in Russia non è solo un uso spropositato della legge; le autorità strumentalizzano le leggi anti-terrorismo e anti-estremismo per soffocare il dissenso e tenere sotto controllo l’opinione pubblica in maniera allarmante e sconvolgente. Queste leggi, vaghe nella loro formulazione e arbitrarie nella loro applicazione, vengono utilizzate per zittire le voci critiche e infondere paura in coloro che hanno il coraggio di prendere la parola”, ha dichiarato Oleg Kozlovsky, ricercatore di Amnesty International sulla Russia.
“Lunghe pene detentive vengono inflitte a seguito di processi militari a porte chiuse, spesso per un commento online o una donazione fatta a un gruppo dell’opposizione. Le autorità etichettano persone come ‘terroristi’ ed ‘estremisti’, tagliandole così fuori dai servizi finanziari e dal reddito di base, senza nemmeno aver bisogno della sentenza di un tribunale. Il prezzo psicologico ed emotivo da pagare per le singole persone e intere famiglie è imponderabile e l’impatto paralizzante sull’intera società russa è profondo”, ha aggiunto Kozlovsky.
Dal 2013, sono state pronunciate condanne per reati legati al terrorismo a carico di 3.738 persone. Oltre il 90 per cento di queste condanne non era collegato ad attacchi terroristici, né commessi né pianificati, ma riguardava piuttosto una serie di altre azioni, come il presunto “favoreggiamento del terrorismo”. Per tali ragioni, le condanne sono aumentate di 50 volte negli ultimi dieci anni. È importante sottolineare che nessuno degli accusati di reati legati al terrorismo è stato assolto, almeno a partire dal 2015, anno in cui sono state rese disponibili le statistiche.
A dicembre 2023, il “Registro dei terroristi e degli estremisti” del Servizio federale di monitoraggio finanziario includeva 13.647 persone, di cui 11.286 etichettate come “terroristi”. Tra queste, il 13 per cento erano donne e 106 erano minorenni. Essere inseriti in questo registro, su cui non c’è alcuna revisione giudiziaria, comporta il blocco dei conti bancari e limita le spese a 10.000 rubli al mese, pari a circa 100 euro. Per coloro che risultano registrati, mantenere anche solo uno standard di vita di base rappresenta una sfida notevole.
Un preoccupante aumento dei casi legati al terrorismo
Solamente nel primo semestre del 2023, i tribunali russi hanno condannato 39 persone per aver commesso o pianificato attacchi terroristici, una cifra che supera qualsiasi altro dato degli ultimi dieci anni. Molte delle recenti accuse di terrorismo sono state rivolte a persone che avevano protestato contro la guerra o contro mobilitazioni militari, lanciando bombe Molotov verso centri di arruolamento e altri edifici pubblici. In molti di questi casi le azioni si sono svolte di notte, quando gli edifici erano vuoti; nelle zone prese di mira, le strutture presenti erano prevalentemente in cemento o di metallo e quindi a basso rischio di incendio. La classificazione di almeno alcune di queste azioni come “terrorismo”, anche in assenza di una minaccia di gravi lesioni, suscita preoccupazioni circa un possibile abuso di tali accuse da parte delle autorità russe.
Centinaia di persone sono state condannate con l’accusa di “promozione del terrorismo” per il solo fatto di aver parlato o espresso simpatia verso azioni o enti arbitrariamente designati come “terroristici”. In seguito all’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia, parteggiare per l’Ucraina, come ad esempio essere compiaciuti per i suoi successi militari, o simpatizzare per le unità militari ucraine composte da volontari russi, è diventato sufficiente per tali persecuzioni.
Tra gli esempi più gravi di abuso delle leggi anti-terrorismo c’è quello di Aleksei Gorinov, un consigliere municipale condannato a sette anni di prigione per aver criticato le azioni del governo russo in Ucraina. Mentre era già in carcere e stava scontando la sua pena, è stato raggiunto da una nuova imputazione legata al “terrorismo”, probabilmente per aver espresso le sue opinioni sulla guerra al compagno di cella.
Lo scrittore Grigori Chkhartishvili, noto con lo pseudonimo di Boris Akunin, è stato incriminato in contumacia per “promozione del terrorismo” a causa di dichiarazioni fatte in pubblico. Poiché i processi relativi ad accuse di “terrorismo” sono di norma a porte chiuse, la natura di tali imputazioni rimane poco chiara. Il ministero della Giustizia ha solo riferito che lo scrittore “si è espresso attivamente contro l’operazione militare speciale in Ucraina, diffondendo informazioni false volte a creare un’immagine negativa della Federazione russa, così come delle Forze armate della Federazione russa.”
Questi e numerosi altri casi dimostrano l’ampia applicazione di queste leggi contro qualsiasi forma di dissenso.
Repressione dell’opposizione e della libertà di espressione.
La diffusione delle leggi anti-terrorismo e anti-estremismo, inclusa la criminalizzazione del “favoreggiamento del terrorismo” nel 2006 e la proposta del 2023 di penalizzare la “promozione dell’estremismo”, aggiunge ulteriore confusione tra le distinzioni che devono essere fatte tra terrorismo ed estremismo. Entrambi i concetti risultano poco definiti nel diritto internazionale e vengono frequentemente strumentalizzati per reprimere il dissenso.
“Questi provvedimenti mostrano l’approccio sistematico verso l’ampliamento delle definizioni e delle sanzioni e soffocano l’opposizione politica e la libertà di espressione col pretesto della ‘sicurezza nazionale'”, ha dichiarato Oleg Kozlovsky.
Un esempio evidente è rappresentato dalla Fondazione anti-corruzione di Aleksei Navalny, che è stata definita come “organizzazione estremista”, criminalizzando di fatto una delle iniziative civili più assertive in Russia. Le persone che hanno fatto donazioni a questa Fondazione o ad altre organizzazioni simili, che vi hanno preso parte o condiviso i loro materiali, anche prima che fossero designate come estremiste, rischiano ora accuse penali e lunghe condanne.
“Alla luce di tutto ciò, Amnesty International chiede una revisione approfondita delle leggi in materia di terrorismo ed estremismo, al fine di allinearle agli standard internazionali sui diritti umani, evitando la criminalizzazione del dissenso pacifico e proteggendo i diritti fondamentali. Sollecitiamo la comunità internazionale a considerare tali violazioni in tutti i contesti appropriati, a difendere i diritti umani di coloro che sono ingiustamente presi di mira e a tenere presente questa situazione nelle relazioni con rappresentanti russi, comprese le iniziative antiterrorismo”, ha concluso Kozlovsky. 



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Amnesty International Italia

Nell'anniversario del conflitto in Sudan la risposta della comunità internazionale è inadeguata: vittime civili in aumento in tutto il Paese.

Amnesty International rende noti i dati sconcertanti relativi all'aumento degli omicidi di stato attraverso la pena di morte in Iran.

Il diritto internazionale va rispettato: la comunità internazionale fermi le operazioni militari di Israele a Rafah.

Altri articoli di La parola a...

Nell'anniversario del conflitto in Sudan la risposta della comunità internazionale è inadeguata: vittime civili in aumento in tutto il Paese.

La Corte di Giustizia Federale tedesca ha condannato a 14 anni di prigione un membro dell’Isis per crimini contro l’umanità e crimini di guerra.

Amnesty International rende noti i dati sconcertanti relativi all'aumento degli omicidi di stato attraverso la pena di morte in Iran.