Tra Draghi e Caimani. Chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica?

Un tecnocrate imposto dall’alto e un plurinquisito sono i nomi più gettonati per il Quirinale. Il nostro sistema politico, democratico de iure, lo è ancora de facto?

Michele Martelli

Chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica? Non è ovviamente una domanda da poco, trattandosi della massima carica dello Stato. In virtù delle nostre norme costituzionali, il capo dello Stato è eletto dal Parlamento, che a sua volta è eletto dal popolo sovrano. Nella filosofia politica, «democrazia», in tutte le sue varie accezioni, è infatti sempre «potere dal basso», in contrapposto all’«autocrazia», che è «potere dall’alto» (Hans Kelsen), elitario e autoritario. La domanda è: il nostro sistema politico che è democratico de iure, lo è ancora de facto? Ossia: la Costituzione materiale fino a che punto riflette ancora la Costituzione formale? Pochi, e noti, i fatti su cui riflettere.

A) Non sono oggi gli elettori a eleggere i loro rappresentanti in Parlamento, attraverso la mediazione dei partiti, ma i capi partito e le loro segreterie a nominarli, imponendoli dall’alto agli elettori, colpa anche di una legge elettorale assurda. Dunque, sovrano sempre meno sembra essere il popolo, il che spiegherebbe il crescente astensionismo, e sempre più i partiti, spesso veri e propri comitati elettorali autoreferenziali. Sull’esempio di Berlusconi, che ha fatto scuola, soprattutto nel centro-destra: FI, un partito-azienda di cui B. è e rimane padrone-proprietario assoluto; i vari coordinatori e successori, sue evanescenti controfigure. Una volta, con tutti i limiti e le contraddizioni del caso, c’era il partito comunista, o democristiano, o socialista ecc., fatti di esperienze, idee, programmi, passione e partecipazione, sezioni territoriali, gruppi dirigenti. Il ventennio del Caimano ha creato il «partito di Salvini», «di Meloni», «di Renzi», «di Calenda», o «di Toti» zerovirgola; sul loro simbolo troneggia il nome del segretario. Si direbbe che il Caimano, invecchiato, si sia riprodotto in tanti seriali piccoli caimani.

B) Il Presidente del Consiglio, recita la Costituzione, è «nominato», non scelto dal Presidente della Repubblica; Mattarella, preso atto del «Conticidio» renziano, in quattro e quattr’otto, dopo consultazioni-lampo, ha incaricato Draghi, approvato in fretta e furia da un Parlamento dilaniato e in preda alla confusione, che certo lo ha votato, dopo un dibattito fittizio, pro-forma, ma non scelto autonomamente. Ma Draghi chi era? Un tecnico bancario, un tecnocrate illustre e di lunga esperienza, ma parlamentarmente uno sconosciuto. Proposto da Mattarella ai partiti, e dai partiti imposto agli ignari e impotenti elettori. Un caso da manuale di «potere dall’alto». E per di più, un premier Salvatore osannato come il Migliore da quasi tutti, in dimenticanza o spregio di un’altra «regola della democrazia» parlamentare, la distinzione tra «maggioranza che governa e minoranza che è all’opposizione», come purtroppo già avvenuto sin dal 2011 col governo Monti.

C) Nel bussolotto di chi sostituirà il presidente Mattarella, i nomi che più girano sono due: Draghi e Berlusconi. L’ipotesi B., ventilata a intermittenza dal duo Salvini-Meloni, – il papeetista dei «pieni poteri», orban-bolsonar-trumpista, e la sorella dei FdI devota di Almirante e che «non conosce la matrice di FN», – sarebbe un film dell’orrore: un capo dello Stato che presiede le Forze armate e il Csm nella condizione di «delinquente comune» e plurinquisito. Ma vi pare possibile se non in una repubblica delle banane, senza offesa per le banane? Ragion per cui il primo è il più gettonato. «Draghi potrebbe guidare il convoglio [sic!] anche da fuori. Sarebbe un semipresidenzialismo de facto in cui il Presidente della Repubblica allarga le sue funzioni approfittando di una politica debole»: parola del leghista Giorgetti, il più draghino dei ministri draghini, a cui forse sfugge una quisquiglia: l’aver giurato fedeltà alla Costituzione. La sua ideona? Un golpe all’italiana, alla chetichella, che sarebbe l’ultima conseguenza del ventennio del Caimano, fin dall’inizio ispirato al disegno di un potere autocratico e oligarchico. Ciò che preoccupa di più è il totale silenzio di Draghi il Migliore. Ma non ha giurato anche lui sulla Costituzione?



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Michele Martelli

Il governo Meloni già mostra i primi tratti di quel che è, al di là di ogni mascheramento: una coalizione di destra a egemonia fascistoide.

Politica liberticida e repressiva all’interno, militarista e bellicista all’esterno. Ecco la carta identitaria, ossia fascista, del governo Meloni.

La sconfitta annunciata del Pd, la vittoria scontata di FdI. Nel mezzo, il ruolo di Calenda, quello dell’agenda Draghi e una campagna elettorale folle.

Altri articoli di Politica

Mentre ci preoccupiamo per l'escalation in Ucraina riusciamo a immaginare che cosa sia vivere come stanno vivendo lì ora?

Il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo di Joe Biden in cui il Presidente attacca le Big Tech. La lettera sembra preludere l’impegno di contrastare il potere delle aziende monopolistiche della Silicon Valley.

Il consigliere togato del Csm e pm antimafia, Nino Di Matteo, ospite su La7, commenta l'arresto dell'ultimo latitante di Cosa Nostra.