Turchia, armi chimiche contro i curdi? Intellettuali e società civile chiedono un’indagine internazionale

Oggi, in occasione della Giornata di commemorazione di tutte le vittime della guerra chimica, più di 130 organizzazioni della società civile e attivisti di 24 Paesi hanno pubblicato una lettera aperta sulle accuse di uso di armi chimiche da parte della Turchia.

Redazione

Il 30 novembre è la Giornata della memoria di tutte le vittime delle guerre chimiche. In questa circostanza, alcuni esponenti della società politica e civile internazionale hanno firmato una lettera aperta per manifestare preoccupazione di fronte alle testimonianze di utilizzo di armi chimiche da parte del regime turco nei confronti della popolazione curda e particolarmente dei militari del PKK, in questo momento sotto un pressante attacco turco che potrebbe spingersi fino a un’invasione di terra nei territori della Siria del nord-est. A firmare la lettera, fra gli altri, la studiosa Silvia Federici, il professor Michael Gunter segretario generale della Commissione civica UE-Turchia, il cofondatore di DiEM25 e dell’Internazionale progressista Srecko Horvat, la scrittrice Ava Homa, l’attrice Maxine Peake, la giornalista italiana Benedetta Argentieri.

Pubblichiamo di seguito il testo della lettera aperta:
“In occasione del 30 novembre, Giornata della memoria di tutte le vittime delle guerra chimica, scriviamo con profonda preoccupazione per le inquietanti testimonianze di uso di armi proibite da parte dell’esercito turco nelle operazioni militari in corso contro il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) nella regione del Kurdistan in Iraq. Inoltre, scriviamo in un momento in cui lo Stato turco sta nuovamente prendendo di mira i civili all’interno della Siria e si sta mobilitando per un’altra possibile invasione di terra. Il 18 ottobre, i media locali hanno pubblicato un video che mostra gli effetti della presunta esposizione alle armi chimiche di due guerriglieri del PKK. Entrambi erano tra i 17 combattenti del gruppo che hanno perso la vita a causa di presunti attacchi chimici negli ultimi mesi. Il filmato ha fatto seguito a un rapporto pubblicato il mese scorso dall’ONG International Physicians for the Prevention of Nuclear War (IPPNW), che ha esaminato altre accuse di uso di armi chimiche da parte della Turchia e ha chiesto un’indagine internazionale basata sui suoi risultati.
Nel 2021, gli osservatori dei diritti umani e i media locali hanno riportato almeno un caso di danni ai civili potenzialmente causati dal presunto uso di armi chimiche da parte della Turchia. Gli autori del rapporto dell’IPPNW hanno cercato di incontrare i civili colpiti, ma sono stati bloccati dal governo regionale del Kurdistan.
Siamo consapevoli che l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) può indagare sulle accuse di uso di armi chimiche solo su richiesta di uno Stato parte. Tuttavia, riteniamo che questi meccanismi esistenti non riflettano la realtà della guerra odierna. I popoli senza Stato e gli attori politici e militari non statali sono profondamente coinvolti nei conflitti moderni. Lo stesso vale per i regimi autocratici che soffocano la voce di coloro che vogliono chiedere conto ai loro governi del loro comportamento in guerra.
Entrambe queste condizioni sono rilevanti in questo caso. Il popolo curdo non ha un governo che possa parlare per lui. Vive sotto regimi repressivi con potenti alleati in Occidente – la Turchia, ad esempio, è sostenuta dai suoi alleati della NATO nonostante le prove consistenti di gravi violazioni dei diritti umani. Ciò significa che, se da un lato i curdi hanno una probabilità sproporzionata di essere vittime di crimini di guerra e di violazioni del diritto internazionale a causa del loro status di minoranza oppressa, dall’altro hanno anche una probabilità sproporzionata di avere accesso a meccanismi di giustizia che permettano ai responsabili di rispondere delle loro azioni.
Per essere efficaci, le leggi sui diritti umani e le leggi di guerra devono essere applicate nel modo più universale possibile, senza considerazioni politiche. Dovrebbe esserci il maggior numero possibile di strade per far sì che le accuse credibili di violazione dei diritti umani e delle leggi di guerra siano indagate da organismi internazionali imparziali, in particolare per violazioni gravi come l’uso di armi proibite.
Inoltre, queste indagini non dovrebbero essere semplicemente finalizzate alla documentazione storica. Dovrebbero essere finalizzate alla giustizia e alla responsabilità per tutti coloro che violano il diritto internazionale, nonché a soluzioni politiche durature per i conflitti in corso.
A tal fine, i sottoscritti formulano le seguenti raccomandazioni:

Chiediamo all’OPCW di modificare le procedure di indagine per consentire un maggiore accesso alla giustizia e alla responsabilità per il presunto uso di armi chimiche, e di indagare sulle accuse che la Turchia possa aver usato armi chimiche nel Kurdistan iracheno.
Chiediamo al governo della Turchia di porre immediatamente fine a tutte le attività militari transfrontaliere in Iraq e Siria.
Di cooperare pienamente con le indagini locali e internazionali sul presunto uso di armi chimiche e su altri presunti crimini di guerra e violazioni dei diritti umani e ritenere i responsabili responsabili responsabili in caso di violazioni. Di ritornare ai negoziati di pace con il PKK per risolvere la questione curda con mezzi politici.

Chiediamo al Governo regionale del Kurdistan di consentire agli investigatori internazionali il pieno accesso alle regioni e alle comunità colpite per determinare se la Turchia ha usato armi chimiche nelle sue operazioni militari.

Chiediamo ai governi interessati di fare domanda d’indagine sul presunto uso di armi chimiche da parte della Turchia attraverso il meccanismo esistente dell’OPCW. Di porre fine alla vendita di armi e all’assistenza alla sicurezza in Turchia. Di fare pressione sulla Turchia affinché ponga fine alle operazioni militari transfrontaliere in Iraq e Siria. Di sostenere e assistere il ritorno ai negoziati di pace tra la Turchia e il PKK per risolvere la questione curda con mezzi politici.Chiediamo alla società civile internazionale di sostenere le richieste qui elencate firmando la nostra lettera e impegnandosi con i governi e le istituzioni internazionali competenti.”



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Redazione

Nel numero 1/2023 in uscita il 26 gennaio, intellettuali e scrittori si interrogano sul futuro della sinistra.

Il consigliere togato del Csm e pm antimafia, Nino Di Matteo, ospite su La7, commenta l'arresto dell'ultimo latitante di Cosa Nostra.

L’8 gennaio a Torino la comunità iraniana ha tenuto un corteo per ricordare le vittime del volo P572L del 2020: tre anni fa, il Boeing 737-800 Ukraine International Airlines 752 fu abbattuto da un missile antiaereo iraniano poco dopo il decollo. Morirono tutti i 176 passeggeri, molti dei quali iraniani e altri ucraini. Inizialmente il...

Altri articoli di Politica

Il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo di Joe Biden in cui il Presidente attacca le Big Tech. La lettera sembra preludere l’impegno di contrastare il potere delle aziende monopolistiche della Silicon Valley.

Il consigliere togato del Csm e pm antimafia, Nino Di Matteo, ospite su La7, commenta l'arresto dell'ultimo latitante di Cosa Nostra.

Le reazioni di Giuseppe Cimarosa, parente del boss e figlio di un collaboratore di giustizia, all’arresto del latitante.