Una Nessuna Centomila: la nuova fondazione che sostiene le donne

La fondazione si pone l’obiettivo di sensibilizzare su discriminazioni e abusi attraverso linguaggi artistici che riescano a coinvolgere un vasto pubblico, per raccogliere fondi da destinare alle operatrici dei centri antiviolenza, delle case rifugio e delle associazioni femminili. Per questo è stato organizzato “Una Nessuna Centomila in Arena”, un concerto a Verona cui parteciperanno Alessandra Amoroso, Samuele Bersani, Annalisa, Brunori Sas, Elodie, Emma, Tananai, Francesca Michielin, Achille Lauro, Paola Turci, Noemi.

Silvia Bonacini

Il riconoscimento che la violenza sulle donne, sia essa psicologica, economica o fisica, possa riguardare l’intera società è ancora un messaggio responsabilizzante difficile da interiorizzare, ma la vera prevenzione parte dall’impegno quotidiano di ognuno e ognuna di noi e, a volte, i linguaggi emotivamente più immediati sono capaci di muovere le folle laddove le istituzioni sono inefficaci. Per questo nasce Una Nessuna Centomila, la Fondazione italiana per il contrasto alla violenza sulle donne, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare su discriminazioni e abusi attraverso linguaggi artistici che riescano a coinvolgere un vasto pubblico, per raccogliere fondi da destinare alle operatrici dei centri antiviolenza, delle case rifugio e delle associazioni femminili.
«In Italia si conta un femminicidio ogni 3 giorni. Una donna su tre non ha autonomia economica, il lavoro di cura è a carico delle donne. In questo quadro desolante in cui la risposta istituzionale continua ad essere inefficace, noi proviamo a fare la nostra parte – spiega la Presidente Giulia Minoli Ci impegneremo per far sì che il linguaggio universale dell’arte, dalla musica al teatro, al cinema e alle mostre, possa contribuire al cambiamento culturale necessario».

A un anno di distanza dall’omonimo concerto all’Arena di Campovolo (RE) che rappresentò una delle maggiori azioni di fundraising sociale della musica italiana, capace di riunire artisti e artiste a sostegno dei diritti e della gender equality, Una Nessuna Centomila diventa ufficialmente Fondazione per volere delle quattro ideatrici già impegnate a vario titolo sul tema: Fiorella Mannoia (Presidente Onoraria); Giulia Minoli (Presidente); Celeste Costantino; Lella Palladino (Vicepresidenti) che lanciano un nuovo evento. Appuntamento quindi per danzare e cantare nuovamente per i diritti delle donne il prossimo 26 settembre all’Arena di Verona, dove andrà in scena Una Nessuna Centomila in Arena che vedrà la partecipazione di Alessandra Amoroso, Samuele Bersani, Annalisa, Brunori Sas, Elodie, Emma, Tananai, Francesca Michielin, Achille Lauro, Paola Turci, Noemi. I proventi del concerto saranno successivamente erogati a strutture individuate dal comitato organizzativo sulla base di criteri di trasparenza, tracciabilità e di sostenibilità nel tempo dei propri progetti di empowerment e supporto alle vittime di violenza.
Abbonati a MicroMega
«Il concerto di Campovolo – ha detto la cantante Fiorella Mannoia, Presidente Onoraria di Una Nessuna Centomila – è stato un primo risultato straordinario per il patrimonio culturale che porta con sé. ‘Uscire dal silenzio’ è soprattutto un incoraggiamento rivolto a tutta la cultura italiana: vogliamo allargare il coinvolgimento di chi può contribuire al cambiamento, con l’ambizione di moltiplicare i momenti di solidarietà e diffusione del racconto del fenomeno perché tutto questo deve finire. Perché siamo già in ritardo. Perché non possiamo più aspettare». Nel 2022, l’intero ricavato ottenuto dagli oltre 100.000 biglietti venduti in occasione dell’evento emiliano ha infatti permesso di destinare a sette centri antiviolenza italiani (nelle città di Reggio Calabria, Latina, Potenza, Casal di Principe, Conversano, Palermo e Olbia) una donazione di oltre 200.000€ ciascuno.

«Ogni volta che c’è un femminicidio si levano voci indignate e si annunciano inasprimenti delle pene, intanto si dimentica che a fronte di circa 120 donne che ogni anno continuano a perdere la vita per mano di un uomo, ce ne sono decine di migliaia che rinascono a una nuova vita nei tanti centri antiviolenza e nelle case rifugio accompagnate con abnegazione e passione politica da migliaia di operatrici. La Fondazione Una Nessuna Centomila nasce per essere concretamente, e creativamente, al loro fianco». afferma Lella Palladino, sociologa e Vicepresidente.

L’intento della neonata Fondazione è quello di finanziare progetti di educazione all’affettività e di contrasto agli stereotipi e pregiudizi culturali che legittimano la violenza con un obiettivo d’intervento stimato su 25mila scuole sul territorio nazionale e di sostenere percorsi di autodeterminazione, inserimento lavorativo e di indipendenza economica delle donne che comprenda una decina di programmi di empowerment e una ventina dedicati ai minori vittime di violenza. L’orizzonte di coinvolgimento per le attività di sensibilizzazione e prevenzione è valutato in 125mila persone, fra donne e bambini e bambine, in cinque anni, che toccheranno cinque case rifugio e almeno dodici centri antiviolenza. Nasce anche un laboratorio artistico dedicato ai progetti culturali a cui hanno aderito Caterina Caselli, Paola Cortellesi, Massimiliano Cagliazzo, Edoardo Leo e Anna Foglietta. Una quindicina di eventi culturali e cinque giornate nazionali di sensibilizzazione che, secondo le organizzatrici, aiuteranno il diffondersi di un cambiamento radicale delle dimensioni strutturali e culturali da cui origina e si riproduce la violenza contro le donne attraverso nuove forme di femminismo.

I biglietti per il concerto “Una Nessuna Centomilain Arena”, organizzato e prodotto da Friends & Partners, saranno in prevendita a partire dalle ore 11.00 di martedì 4 luglio, su TicketOne.it e nei punti vendita e prevendite abituali.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Società

Vicino al riconoscimento il tribunale della comunità Sikh in Inghilterra: un tribunale religioso, conservatore e oppressivo per le donne.

In occasione della Festa della Repubblica, ricordo di una delle 21 madri dell'Assemblea Costituente.

Il Vaticano in realtà si oppone ai gay solo quando chiedono riconoscimento e diritti.